«Giù le mani dai pini», il comitato
chiede un incontro al nuovo assessore

Lunedì 8 Novembre 2021
«Giù le mani dai pini», il comitato chiede un incontro al nuovo assessore

«Assessore, incontriamoci». Un invito significativo se arriva da chi finora era stato considerato un fiero avversario dell'amministrazione comunale. Il comitato «Giù le mani» dai pini si dice pronto a un faccia a faccia con il neodelegato all'Ambiente, Alessandro Rosa: «Ci dichiariamo ben disponibili a confrontarci quanto prima con lui - affermano Francesco Di Donato e Luca Coletta - Abbiamo un nuovo assessore all'ambiente che, stando alle dichiarazioni, considera la vicenda del viale degli Atlantici una priorità. Certo, cosa intende per priorità bisognerà appurarlo. Noi lo abbiamo ben chiaro e vogliamo rammentarlo anche al neoassessore. Prioritari non sono solo gli abbattimenti strettamente necessari, relativamente ai quali ci sarà da capirsi sia per quanto riguarda il numero, stante la relazione del tecnico della Procura e la sollecitazione in ottica riduttiva rivolta dalla Soprintendenza al Comune, sia per le sostituzioni rigorosamente omogenee, sempre in base alle prescrizioni della Soprintendenza. Prioritario è non trasformare il viale in uno scenario post apocalittico, tipo il parco del Virgiliano a Napoli, magari al solo scopo di rifare senza intoppi i marciapiedi. Prioritaria è, innanzitutto, la cura appropriata dei pini, con particolare riferimento al problema della cocciniglia tartaruga, esiziale se lasciata indisturbata come sta accadendo adesso, ma facilmente eliminabile in maniera economica. Su tale aspetto bisogna solo intervenire subito».

I rappresentanti del comitato lanciano quindi una serie di input operativi per migliorare il patrimonio arboreo: «Si impongono la riorganizzazione del servizio di manutenzione secondo criteri di efficienza che richiedono l'individuazione di ditte all'altezza, il ripristino del reparto giardinieri con personale altrettanto adeguato, l'anagrafe degli alberi comprensiva dell'elenco degli esemplari monumentali, la redazione di un serio e ragionato Piano del Verde, preliminare a qualunque intervento sensato, ma soprattutto la cura tempestiva e adeguata. Non ci si può nemmeno più appigliare alla scusa della mancanza di fondi, dal momento che i finanziamenti pubblici specifici sono sempre più numerosi, senza contare la possibilità di recuperare risorse dalla riduzione degli sprechi sempreverdi in alcuni settori della macchina comunale. Ci auguriamo che il nuovo assessore possa distinguersi nel rinnovamento della politica comunale del verde, che non può prescindere da un approccio collaborativo coi comitati e i cittadini che in questi anni, da soli, hanno combattuto una battaglia bella e giusta, ponendo magari la prima pietra di un cambio di passo e di quello che potrebbe essere un vanto a livello nazionale: la riforestazione della città di Benevento». Si attende adesso la risposta di Rosa che, nelle ore immediatamente successive alla nomina assessorile, ha indicato proprio il caso pini della zona alta come uno dei principali dossier da affrontare e portare a soluzione dopo trenta mesi dal taglio dei 12 alberi su viale degli Atlantici che accese la reazione civica e che ha portato alla imputazione di due funzionari comunali.
 

Ultimo aggiornamento: 08:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA