Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Commercio, Benevento da primato:
via libera ai due distretti

Mercoledì 29 Giugno 2022 di Antonio Martone
Commercio, Benevento da primato: via libera ai due distretti

Nuovo importante e decisivo passo avanti per la creazione dei distretti commerciali. Nell'aula consiliare di palazzo Mosti ieri sono stati sottoscritti i protocolli d'intesa da parte dei Comuni aderenti, associazioni di categoria, rappresentanze sindacali e dei consumatori. Evento che ha avuto la «benedizione» del sindaco Clemente Mastella, della dirigente della Regione e responsabile della procedura Daniela Michelino e della rappresentante di Sviluppo Italia Fortuna Gentile. Proprio le ultime due hanno sottolineato che quello beneventano è tra i Comuni più avanti in materia. Un aspetto, che «premia» il lavoro che l'assessore alle Attività produttive Ambrosone in testa sta portando avanti da febbraio. «I distretti commerciali dice Mastella costituiscono uno snodo operativo di enorme importanza per la valorizzazione territoriale ed economica. Dopo due anni di pandemia che hanno visto la sofferenza di tante attività soprattutto del commercio, questa rappresenta un'occasione rilevante che come amministrazione, nell'ambito dei progetti tesi alla crescita e al rilancio del capoluogo, non ci siamo lasciati sfuggire. Il nostro obiettivo era di cercare di coinvolgere tutti i soggetti interessati alla promozione e allo sviluppo del territorio raccogliendo anche suggerimenti e proposte, cosa che è accaduta».



È confermato che saranno due i distretti della città, uno urbano e l'altro diffuso con la presenza di sette Comuni: Apollosa, Arpaise, Ceppaloni, Pietrelcina, San Leucio del Sannio, San Nicola Manfredi e Sant'Angelo a Cupolo. Nel panorama regionale il capoluogo ha ricevuto apprezzamenti per aver creato sinergie con i Comuni del proprio hinterland. Con Pietrelcina ad esempio si stabilirà una filiera di ispirazione religiosa. «L'iniziativa capeggiata dal sindaco Mastella - dice il primo cittadino di San Leucio Nascenzio Iannace - costituisce un punto di partenza anche per altri progetti che come provincia dobbiamo portare avanti. Commercio, industria e turismo devono essere i motori trainanti». Definito, da Ambrosone, il cronoprogramma per le prossime settimane. Previsto come prossimo passaggio quello in uno studio notarile, o in alternativa dal segretario comunale, per gli atti costitutivi. Contestualmente saranno stilati i due programmi e la cartografia per determinare i confini del distretto diffuso. Poi toccherà alla Regione stabilire i finanziamenti per poter attuare il rilancio del commercio locale in termini di arredi urbani, iniziative di valorizzazione della filiera corta e delle produzioni di eccellenza, eventi e altro per combattere la concorrenza della globalizzazione e dei giganti del web.

Al summit di ieri c'erano anche delegati di Confcommercio, Unimpresa, Confesercenti, Confcooperative, Cna, delle associazioni consumatori, sindacalisti, mentre era assente nuovamente la delegazione della Camera di Commercio. Tutti si sono espressi in termini positivi. Tra i chiarimenti forniti dalle due manager quello che i finanziamenti a fondo perduto riguarderanno tutte le attività all'interno per sviluppare l'appeal dei negozi di vicinato.

Una forma di sostegno importante in questa fase di progettualità che prevede un impegno triennale. Così il presidente provinciale della Confcommercio Nicola Romano: «Premesso che siamo soddisfatti della presenza della Michelino e Gentile che hanno aderito al nostro invito - dice - ma resta da chiarire in chiave futura il valore dei punti assegnati in questa fase. Acclarato che il punteggio minimo serve per il riconoscimento dei distretti, il discorso che non ci è chiaro è quello riguardante la validità o l'importanza dei punti che attribuiti oggi possono valere domani nella graduatoria per contributi a fondo perduto. Va chiarito, invece, che nel distretto tutte le manifestazioni che nei piccoli Comuni o anche a Benevento hanno storia superiore ai dieci anni potranno accedere al contributo». Infine, proprio Confcommercio ha già reso noti i nomi dei componenti del comitato che figureranno nei distretti: Rosanna Ciniglio, Laura De Figlio, Mario Carfora, Andrea Luongo, Libero Varricchio, Vincenzo Napoli, Fabrizio Feoli e Tony Caruso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA