Incidente sulla Nola-Villa Literno:
uomo morto dilaniato dall'esplosione

Lunedì 10 Maggio 2021 di Marilù Musto
Incidente Nola Villa Literno

Due feriti gravi e un morto, Luigi Ibello di 40 anni di Caivano: è questo il bilancio di un incidente che si è verificato lungo l'asse di supporto, al chilometro 6 in direzione di Villa Literno, nel casertano. Lo schianto ha coinvolto un'autoarticolato della dittà Fontana e un camion-furgone Ducato che transitavano lungo la strada che collega Nola a Villa Literno. Sul posto, i vigili del fuoco del distaccamento di Aversa e un elicottero. Gli inquirenti in un primo momento hanno trovato, lungo l'asfalto, solo un piede mozzato appartenuto alla vittima.

Difficili le condizioni di lavoro dei soccorritori, si è temuta una seconda esplosione dopo l'incendio causato dall'impatto del camion con l'autocisterna.  I vigili del fuoco hanno lavorato non poco per recuperare il corpo fra la vegetazione oltre il guard rail. Coperti fino ai denti con caschi e tute, i vigili della squadra intervenuta - composta dal  capo reparto Luigi Tallone (con lui i vigili Lama, Falco, Laiso,  Cerqua e Tallone)- hanno trovato, in tarda mattinata, anche una testa dell'unica persona che ha perso la vita. Solo nel pomeriggio i resti dilaniati della vittima sono stati consegnati all'agenzia funebre per custodirli. Ora, sarà la Procura di Napoli nord a decidere se sequestrare la salma oppure no.

Stando alle ultime indiscrezioni, starebbero peggiorando le condizioni di uno dei due feriti curati dai medici e infermieri del 118, mentre le lesioni causate dall'impatto dell'altro superstite non sarebbero gravi. I medici parlano di grave choc in cui versa quest'ultimo ferito. 

Ultimo aggiornamento: 11 Maggio, 08:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA