Ponte Vapore, sprint ricostruzione:
ecco il nulla osta della prefettura

Domenica 27 Giugno 2021 di Giuseppe Miretto
Ponte Vapore, sprint ricostruzione: ecco il nulla osta della prefettura

È un evento atteso da due anni e mezzo. E per l'occasione è stata sospesa la circolazione ferroviaria. Avviata e portata a compimento l'operazione di costruzione dei pali di fondazione e delle spalle di sostegno del nuovo Ponte Vapore. Per consentire gli scavi, le trivellazioni intensive e lineari lungo la massicciata ferroviaria e le colate di cemento, non è stato consentito per motivi di sicurezza il transito dei convogli tra Caserta e Cancello scalo. Soppressa e isolata completamente la fermata di Maddaloni Inferiore.

«A dispetto degli scettici - dice il sindaco Andrea De Filippo - l'intera operazione è stata resa possibile solo dopo l'autorizzazione della Prefettura che ha dato il via libera ai lavori di domenica e alla circolazione straordinaria delle betoniere». Collocati 19 piloni, sul versante Maddaloni e 13 sul versante Cancello nelle adiacenze della vecchia struttura posta sotto sequestro dalla Procura della Repubblica. Reggeranno le travi di sostegno del nuovo ponte a quattro corsie (due per ogni senso di marcia). «Finalmente accolte - commenta Angelo Lustro, segretario provinciale della Filt-Cgil - le richieste trentennali dei sindacati di eliminare tutte le minacce per la sicurezza della circolazione ferroviaria esistenti tra Caserta e Napoli via Cancello. È dal 2002 che denunciamo l'arretratezza infrastrutturale che pesantemente rallentano al circolazione». 

Il nuovo ponte consentirà il ritorno in esercizio della ex provinciale Nola-Caserta che collega l'Area metropolitana di Napoli con le provincie di Caserta e Benevento. Ma consentirà soprattutto di velocizzare la circolazione ferroviaria collegando Maddaloni Inferiore con la stazione dell'Alta velocità Napoli-Afragola in soli 12 minuti. Intanto, è stata completato un altro intervento complesso: il collocamento di un ponte parallelo temporaneo. Prima prefabbricata e ora già messa in esercizio la trave telescopica, ignifuga e antifulmini, per far viaggiare fuori terra il metanodotto ad alta pressione, l'acquedotto, la rete telefonica e la fibra ottica. Per centrare l'obiettivo, cioè «eliminare le interferenze tra sottoservizi», azione propedeutica alla demolizione del vecchio manufatto, sono stati necessari oltre quattro mesi per costruire la trave telescopica ed ottenere i permessi. «Nonostante le proteste - spiega l'assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe D'Alessandro - solo apparentemente i lavori sembravano fermi. Invece, si è operato per rendere possibile la delicata operazione di rimozione dei sottoservizi essenziali come la fornitura di luce acqua, gas e collegamenti telefonici in voce e dati». Dalla prossima settimana comincerà lo smontaggio del vecchio ponte, costruito dalla truppe alleate nel 1943 operazione autorizzata dalla Soprintendenza e eseguita sempre sotto la supervisione dei consulenti della Procura. Cambia anche la configurazione delle strade ferrate. Nei pressi del Ponte vapore si sta lavorando all'innesto dei nuovi binari dell'AV/AC Bari-Napoli sulla Caserta-Cancello-Napoli che permetterà ai treni veloci di raggiungere il capoluogo. Per completare il nuovo nodo ferroviario sarà stravolta la circolazione sull'Appia: la statale sarà tagliata in due dalla trincea ferroviaria. Auto e mezzi pesanti saranno deviati su arterie parallele. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA