Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Anna Segre presenta il suo nuovo libro «La distruzione dell'amore»

Mercoledì 23 Febbraio 2022
Anna Segre presenta il suo nuovo libro «La distruzione dell'amore»

«La distruzione dell’amore» è l’ultimo libro di Anna Segre, «medico, psicoterapeuta, anche ebrea, in più lesbica, perfino mancina», si definisce sarcasticamente. Edito da Interno Libri e uscito il 20 di gennaio, nella sua raccolta - in cui sono evidenti tutte le sfumature, tra passione e delusione, tra ferite e sogni da condividere, dell'amore da donna a donna - l'autrice, in versi intensi e venati di profonda inquietudine ma anche di ironia, rappresenta la forza a volte devastante del sentimento amoroso, con le protagoniste che si fronteggiano come se fossero due contendenti, pronte a battersi anima e corpo fino all'ultimo respiro della relazione alla ricerca di una pace impossibile. 

Come scrive nella prefazione Margherita Giacobino «I versi di Anna Segre ci dicono qualcosa che dovremmo sapere bene: che due donne non si amano mai da uguali, ma sempre da diverse. Diverse una dall'altra e da ogni altra. E a volte la diversità è opposizione, e le parole non servono per comunicare o dialogare ma solo per ferirsi». Nel libro, l'autrice racconta senza tabù l'omosessualità, squarciando silenzi e ipocrisie ancora legati al tema, e affronta la complessità del rapporto amoroso utilizzando spesso metafore e similitudini. «La poesia di Anna Segre agisce la propria urgenza amorosa e distruttiva, fino alla tensione massima e all'eccesso e lo fa su sé stessa, senza mai tuttavia raggiungere l'irreparabile, sempre allusivamente presente nel discorso romantico a essa sotteso», sottolinea nella postfazione di Beatrice Zerbini.

Video

L’approccio alla scrittura della Segre è istintivo, obbedisce alle regole del mondo animale, multi sfaccettato come l’animo umano. Attraverso i suoi versi, i sensi si avvicinano al mondo della natura dove le percezioni, gli odori, la gestualità definiscono l’uno per il tutto, facendone ribalzare forze e contraddizioni. «Sublimazione dal solido all’aeriforme», questo è ciò che la poesia rappresenta per Anna Segre i cui versi diventano linea di vita pronti a raccontare l’omoaffettività e la forza travolgente di un sentimento totalizzante, a tratti devastante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA