Twitter, gli azionisti approvano l'offerta di Elon Musk (che però vuole tirarsi indietro)

Twitter, gli azionisti approvano l'offerta di Elon Musk da 44 miliardi
Twitter, gli azionisti approvano l'offerta di Elon Musk da 44 miliardi
Martedì 13 Settembre 2022, 19:33 - Ultimo agg. 19:35
3 Minuti di Lettura

Gli azionisti di Twitter dicono sì a Elon Musk, promuovendo l'offerta da 44 miliardi di dollari dalla quale il patron di Tesla sta cercando di svincolarsi. La benedizione all'accordo arriva in una giornata difficile per la società che cinguetta: la talpa Peiter Zatko, il suo ex responsabile della sicurezza, compare davanti alla commissione giustizia del Senato e scandisce nel dettaglio le sue accuse contro il social ai senatori americani. La leadership di Twitter ha «ignorato» gli avvertimenti degli ingegneri e, complici gli incentivi previsti, ha dato «priorità ai profitti rispetto alla sicurezza», ha spiegato Zatko osservando come le falle e le carenze del social sono una «bomba a orologeria» e comportano rischi anche in termini di sicurezza nazionale.

La società che cinguetta - ha chiarito "Mudge", il nome con cui l'ex manager è conosciuto nel mondo cyber - infatti non è in grado di controllare l'accesso al sistema dei suoi dipendenti rendendo praticamente impossibile per la società individuare la presenza di agenti esteri fra i suoi ranghi e cacciarli. Twitter «ha ingannato gli utenti e gli investitori», ha aggiunto fra lo stupore dei senatori americani che chiedono maggiori controlli stile-europeo e aleggiano l'ipotesi di un'uscita dell'attuale amministratore delegato Parag Agrawal. «Se le accuse sono vere, non vedo come l'amministratore delegato Agrawal possa mantenere il suo incarico», ha detto il repubblicano Chuck Grassley riferendo che Agrawal era stato invitato a partecipare all'audizione ma ha declinato l'offerta.

Elon Musk e l'offerta per acquistare Twitter

Le accuse di Zatko, rinomato per essere un hacker buono e per la sua storica udienza in Senato nel 1998 quando lanciò l'allarme sulla debolezza dell'infrastruttura del web, rischiano di complicare la battaglia legale di Twitter contro Musk. Dopo aver corteggiato la società per mesi e messo sul piatto 44 miliardi, l'uomo più ricco del mondo vuole ritirare la sua offerta e ci ha già provato, senza successo, per tre volte. L'ultima parola spetta ora al tribunale del Delaware, al quale Twitter è ricorsa per costringere il patron di Tesla a onorare il suo impegno. Inizialmente per la società che cinguetta una vittoria davanti alla giustizia sembrava, secondo gli osservatori, a portata di mano. La sua posizione però si è indebolita con il passare delle settimane e un colpo forte è arrivato proprio da Zatko che, con le sue accuse, sembra dare ragione e Musk sugli account falsi e spam. Il fatto che Twitter abbia poi pagato al suo ex responsabile per la sicurezza un'indennità di fine rapporto da 7 milioni di dollari alla talpa in seguito al suo licenziamento complica ulteriormente la partita, aprendo la porta a Musk per rivendicare quella che ritiene un'ennesima violazione dell'accordo di acquisto che vieta pagamenti «al di fuori delle pratiche del passato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA