Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Oligarchi russi, i jet «continuano a volare nonostante i divieti»: la mappa degli spostamenti

Nel mirino Roman Abramovich, Alisher Usmanov e Igor Shuvalov

Giovedì 31 Marzo 2022 di Mario Landi
Oligarchi russi, i jet «continuano a volare nonostante sanzioni e divieti»: le tratte e le accuse

I jet privati di oligarchi e funzionari russi «continuano a volare dentro e fuori gli aeroporti dell'UE e della Gran Bretagna nonostante i divieti di volo e le sanzioni imposte dopo l'invasione russa dell'Ucraina». Lo riporta un'indagine del Guardian, in collaborazione con l'Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP): sono infatti stati identificati e rintracciati jet collegati a uomini d'affari e funzionari sanzionati tra cui Roman Abramovich, Alisher Usmanov e Igor Shuvalov, un ex vice primo ministro russo.

Mentre alcuni movimenti aerei sembravano rispettare i divieti e le sanzioni dello spazio aereo, inclusi il congelamento dei beni, altri sembrano dunque sfuggire alle restrizioni. L'analisi del Guardian ha anche mostrato che i jet legati ai russi sotto sanzioni sono volati negli Emirati Arabi Uniti in numero maggiore durante la settimana successiva all'inizio dell'invasione rispetto a qualsiasi altra settimana del 2022.

I jet collegati a Shuvalov sono stati rintracciati mentre volavano in entrata e in uscita dagli aeroporti dell'UE dopo che le sanzioni erano state imposte il 23 febbraio, il giorno prima che la Russia iniziasse la sua invasione dell'Ucraina. Il suo jet Bombardier Global Express, registrazione LX-ABC, ha effettuato diversi voli tra Ginevra, Monaco, Parigi, Milano ed Helsinki dopo quella data, secondo i dati forniti dal servizio di tracciamento dei voli Flightradar24. I report non includono i dettagli di chi era a bordo dell'aereo.

«Putin? Punterà a una guerra lunga», l’ambasciatore Valensise: dallo zar scelte irrazionali

Le norme sulle sanzioni dell'UE consentono a coloro che sono colpiti dalle restrizioni di effettuare pagamenti per soddisfare "esigenze di base" come le spese legali, ma non menzionano le spese associate ai movimenti di aerei privati, come l'acquisto di carburante per aerei. Il miliardario nato in Uzbekistan, Usmanov, uno dei principali sponsor della squadra di calcio dell'Everton ed ex azionista del 30% dell'Arsenal, è legato ad altri due jet multimilionari. Entrambi gli aerei hanno volato fuori dagli aeroporti dell'UE dopo che «aerei di proprietà russa, immatricolati dalla Russia o controllati dalla Russia sono stati banditi dallo spazio aereo dell'UE dalla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen», riporta ADS-B Exchange, un sito web che raccoglie i dati degli spostamenti aerei in tempo reale.

L'Airbus A340 di Usmanov, la cui versione commerciale può ospitare 370 passeggeri, ha lasciato Monaco la sera del 28 febbraio ed è stato registrato l'ultima volta mentre scendeva su Tashkent quella notte. Il jet è decorato con una caratteristica livrea marrone, è costato tra 350 e 500 milioni di dollari (è uno dei più grandi jet privati ​​in Russia) e il volo è avvenuto il giorno dopo l'imposizione del divieto di volo dell'UE, lo stesso giorno in cui Usmanov è stato aggiunto all'elenco delle sanzioni del blocco.

Gas russo, retromarcia di Mosca: pagare in rubli? C’è tempo. L’Italia aspetta Gazprom

Il secondo jet ha lasciato Firenze in Italia lo stesso giorno e si stava dirigendo anche verso l'Uzbekistan quando il segnale del transponder è andato perso sul Turkmenistan. Un portavoce di Usmanov ha detto che le sanzioni contro di lui erano basate su «presupposti errati sul suo rapporto con il Cremlino», aggiungendo che i suoi beni, compresi i jet privati, erano stati trasferiti a fondi irrevocabili molto prima che fossero imposte sanzioni contro il miliardario. «Neghiamo che ci sia stato qualsiasi illecito o tentativo di evitare che i beni venissero sanzionati», ha detto il portavoce. «Dato che il jet MI-ABU da lei invocato non è di proprietà o controllato dal signor Usmanov, e potrebbe essere da lui utilizzato solo a condizioni di locazione, non vi sono basi legali per vietarlo in relazione alle sanzioni individuali imposte contro lui. Per quanto riguarda il rispetto delle regole di partenza degli aeromobili, la nostra dettagliata analisi legale non ha riscontrato violazioni. Per quanto ne sappiamo, la partenza è stata effettuata in conformità con il permesso dell'autorità autorizzata del paese da cui è partito l'aeromobile». Il portavoce non ha risposto a una domanda fondamentale: se Usmanov fosse a bordo di uno dei due voli. Mentre alcuni dei jet rimangono fuori dalla portata delle autorità nonostante siano collegati ad oligarchi sotto sanzioni, altri aerei sono già stati sequestrati. I jet legati ad Abramovich sono stati attivi anche nelle settimane successive all'invasione dell'Ucraina, che ha portato il proprietario del Chelsea FC a essere sanzionato dal Regno Unito e dall'UE.

Uno, un Bombardier Global 6000, targa LX-LUX, è ora fermo in Lettonia: era stato negato il permesso di partire dalle autorità in attesa della conferma della sua proprietà da parte delle autorità lussemburghesi, dove l'aereo è registrato. Se si scopre che appartiene ad Abramovich, che è stato collegato ad almeno altri tre jet privati, «sarà considerato un bene congelato», ha detto Aivis Vincevs, dell'Agenzia per l'aviazione civile lettone, al sito web Re Baltica. Anche uno stretto collaboratore di Abramovich, Eugene Shvidler, ha fatto sequestrare due jet dalle autorità britanniche, negli aeroporti di Londra Biggin Hill e Farnborough.

 

Un jet era volato da Biggin Hill a Farnborough il 27 febbraio, secondo i dati di Flightradar24. Il 27 febbraio il jet ha anche effettuato un volo transatlantico verso un piccolo aeroporto fuori New York, tornando a Farnborough il 4 marzo. Un divieto di volo del Regno Unito sugli aerei russi è entrato in vigore due giorni prima. Un portavoce di Shvidler ha spiegato che «non c'erano mai state violazioni» e che non era cittadino russo e non aveva alcun legame con il Cremlino. Gli aerei che hanno visitato gli Emirati Arabi Uniti includono alcuni di quelli collegati in precedenti rapporti ad Abramovich e al politico dell'opposizione ucraino Viktor Medvedchuk, nonché agli uomini d'affari russi Andrey Guryev, Andrey Melnichenko e Oleg Deripaska. Gli Emirati Arabi Uniti sono stati descritti come la "Svizzera del Golfo Persico" da organizzazioni tra cui Tax Justice Network, a causa del loro alto grado di segreto bancario, suggerendo che gli oligarchi esclusi da altri centri finanziari potrebbero essersi recati lì per organizzare i loro affari finanziari.

Secondo i dati di Flightradar, un jet legato a Melnichenko, un miliardario il cui superyacht è stato sequestrato dalle autorità italiane all'inizio di questo mese, è volato a Dubai il 9 marzo. Il Boeing 737 è attualmente sotto inchiesta a Lussemburgo, dove è registrato. Un portavoce di Melnichenko ha fatto sapere che era un imprenditore internazionale self-made che «non aveva alcuna relazione con i tragici eventi in Ucraina. Non ha affiliazioni politiche. Non c'è alcuna giustificazione per inserirlo in alcun elenco di sanzioni». Un portavoce di Deripaska ha detto che le sanzioni contro di lui sono state «profondamente fuorvianti». I portavoce di Abramovich, Shuvalov, Medvedchuk e Guryev - contattati dal Guardian - non hanno risposto alle richieste di commento.

Ultimo aggiornamento: 15:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA