Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fondazione Banco di Napoli e l'incontro per aiutare le persone con problemi economici: «Creare sinergia tra pubblici e privati»

Mercoledì 16 Febbraio 2022
In foto Rossella Paliotto

«La pandemia ha acuito i problemi economici e sociali in una città come Napoli già logisticamente complessa. Persone con gravi problemi di salute che hanno visto le loro case finire all'asta. Piccole attività commerciali a conduzione familiare messe in ginocchio dalle varie chiusure e, di conseguenza, molte persone che si sono ritrovate senza lavoro con l'impossibilità di poter mantenere le proprie famiglie. Il comune denominatore tra coloro che hanno chiesto aiuto è stata una disperazione tale da portarli a manifestare la volontà di non voler più vivere, e in questo si è rivelata fondamentale l'assistenza psicologica messa a disposizione».

È la realtà emersa durante l'incontro «Napoli e l'inclusione», promosso dalla Fondazione Banco di Napoli e dall'associazione Amici della Fondazione Banco di Napoli, che ha visto la partecipazione anche della vicesindaca e assessora all'Istruzione e alla Famiglia del Comune di Napoli, Mia Filippone, e del presidente dello sportello Ripartire, Antonio Musella. Un incontro, spiega una nota della Fondazione Banco di Napoli, «nato per essere da una parte un momento di ascolto di coloro che in questi due anni hanno chiesto aiuto e sostegno presso lo Sportello, aperto dalla Fondazione all'inizio della pandemia mettendo a disposizione gratuitamente per le persone in difficoltà professionisti come commercialisti, avvocati e psicoterapeuti, ma dall'altro anche una raccolta di disponibilità da parte di coloro che vogliono tendere una mano con le proprie competenze e supporto. Inclusione, dunque, affrontata anche concretamente attraverso lo sportello Ripartire».

Video

La presidente della Fondazione Banco Napoli, Rossella Paliotto, spiega che «questo incontro nasce da una volontà e un'esigenza: creare una sinergia tra istituzioni pubbliche e private, anche con iniziative che portino sollievo. Inclusione vuol dire volgere lo sguardo alle persone che hanno necessità di essere supportate, ma l'inclusione è anche lo sguardo ai giovani che lasciano questa città per assenza di opportunità. L'inclusione è anche rigenerare le intere aree dal punto di vista urbanistico, affinché sorgano altre opportunità di lavoro, affinché si possa diventare attrattivi per il turismo e per coloro che scelgono questa città per viverci.

Questo è un momento difficile, che richiede uno sforzo strategico per quel che riguarda la nuova amministrazione, ma in una collaborazione e in un confronto con tutte le diverse compagini della nostra società, non dimenticando i giovani professionisti delle diverse categorie della città che prima delle elezioni sottoscrissero in Fondazione, insieme ai candidati a sindaco, un accordo di confronto trimestrale», conclude Paliotto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA