Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Movida a Napoli, arriva la stretta: le sanzioni del Comune sul doppio delle strade

Giovedì 16 Giugno 2022 di Luigi Roano
Movida a Napoli, arriva la stretta: le sanzioni del Comune sul doppio delle strade

Sono 238 - il doppio di quelle contenute nell’ordinanza antimovida che scade oggi - le strade, piazze, vicoli dove il “Regolamento di sicurezza urbana” vigerà, siti distribuiti su tutto il territorio cittadino dove la stretta su movida - con particolare riguardo alla vendita di alcol non solo ai minori - tutela dei monumenti, parcheggiatori abusivi e prostituzione sarà serrata a suon di multe. E laddove ricorrono gli estremi - e ce ne sono tanti - anche la denuncia penale sia per i clienti che per chi sfrutta il mercato del sesso. A Palazzo San Giacomo sono ore frenetiche, la scadenza dell’ordinanza preoccupa, il rischio del “liberi tutti” è molto alto. Una corsa contro il tempo: la scommessa è approvare oggi il Regolamento di sicurezza e anche quello sulla “convivenza civile” nelle commissioni consiliari e nella stessa giornata in giunta. Ma la parola finale toccherà al Consiglio comunale non prima della metà del mese prossimo. 

Cosa accadrà in questo mese di vacatio a iniziare dal weekend? Manfredi punta sul codice di autodisciplina contenuto nei documenti - c’è stato un grosso lavorio di sensibilizzazione degli assessori Teresa Armato e Antonio De Iesu con gli operatori del settore del popolo della notte e i comitati cittadini - e sull’appoggio della Prefettura, che garantirà gli stessi presidi di sicurezza nelle zone più sensibili della movida. Da oggi la palla è nel campo del Consiglio comunale, toccherà all’Assemblea cittadina portare correttivi e soprattutto approvare in fretta i regolamenti. L’aria che tira non è malvagia, tuttavia il capitolo sul decoro urbano sarà oggetto di discussioni serrate perché passi indietro sul fronte della convivenza in pochi sono disposti a farne malgrado qualche dubbio del sindaco. Sono numerose le prescrizioni e i divieti nel regolamento che «mira - si legge - a garantire la sicurezza urbana, la vivibilità e il decoro della città» oltre che a «contrastare le forme diffuse di degrado sociale, al fine di promuovere un’ordinata e civile convivenza, e migliorare il livello della qualità della vita». Così tra i comportamenti vietati c’è quello di innaffiare i fiori sul balcone «procurando stillicidio sulla strada»; sbattere dalla finestra o dal terrazzo tappeti, tovaglie, indumenti, materassi e simili quando ciò determini «disturbo, incomodo o insudiciamento»; scaricare sulla strada «acque e liquidi derivanti da pulizie e lavaggi»; far gocciolare «sulla pubblica via» l’acqua dei condizionatori oppure «lanciare palloncini gonfiati ad elio durante feste o cerimonie». 

La tutela «della dignità delle persone» è ai primi posti del “Regolamento di sicurezza urbana”, la piaga della prostituzione e dello sfruttamento della stessa è grande. Ora ci sono divieti formali e codificati e la conseguenza sono le sanzioni. «Al fine di scoraggiare il fenomeno criminale dello sfruttamento della persona, di ridurre il senso di insicurezza e allarme sociale generato dal fenomeno della prostituzione in luoghi pubblici, nonché garantire nel contempo la sicurezza della circolazione stradale è vietato fermarsi su strade, parcheggi o aree aperte all’uso pubblico per concordare prestazioni sessuali a pagamento con soggetti inequivocabilmente dediti all’attività di prostituzione ed appartarsi con essi in luogo pubblico». Chi sgarra sarà colpito da super multe

Video

Dalla multa alla denuncia penale per chi imbratta i monumenti e in generale gli edifici pubblici. Stessa sorte per chi si tuffa nelle fontane. Per Manfredi difendere i monumenti dai vandali è una priorità altissima. Puntuale e importante in chiave movida uno degli ultimi articoli: «È vietato stazionare in luogo pubblico, nonché sedersi, consumando cibi e o bevande, sui beni del patrimonio storico, artistico, archeologico e monumentale quali fontane e scalinate di pertinenza, reperti archeologici e sul suolo pubblico ovvero vie, vicoli, piazze o privato come le soglie di entrata di civili abitazioni e di esercizi commerciali». Le regole ora ci sono - il ragionamento che fanno in Comune - ma perché funzionino serve chi le faccia rispettare. 

Ultimo aggiornamento: 18 Giugno, 08:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA