Napoli, una casa per i bimbi malati di cancro donata da una pizzeria al Pausillipon

Giovedì 12 Dicembre 2019

Un appartamento interamente ristrutturato, destinato all'accoglienza gratuita dei bambini ricoverati al polo oncologico dell' ospedale «Pausillipon» e ai loro familiari sarà consegnato domani alla Fondazione Santobono-Pausillipon dall' amministratrice del brand Don Peppe, che gestisce una catena di pizzeria tra Caserta, Roma Verona e Venezia Mara Mincione.

LEGGI ANCHE Rugby in Ospedale: al Pausilipon i portatori di sorrisi in corsia

La consegna avverrà domani alle 15 nella Direzione Generale del Santobono Pausilipon in via della Croce Rossa 8. Le chiavi dell' appartamento saranno consegnate al direttore della Fondazione, Flavia Matrisciano ed al presidente, Anna Maria Ziccardi, alla presenza del Direttore Generale dell'azienda ospedaliera Santobono-Pausilipon Anna Maria Minicucci. Ogni anno quasi 800mila italiani colpiti dal cancro si allontanano per terapie o interventi che richiedono tempo: giorni o anche settimane, e più volte l'anno. Per molte di queste persone, e per chi le accompagna, è necessario un alloggio prima di ogni altra cosa. «Casetta Don Peppe», accogliendo i piccoli pazienti e le famiglie dell'ospedale oncologico Santobono-Pausilipon, è concepita per offrire il massimo confort alle famiglie durante i lunghi periodi di degenza.

La realizzazione dell'appartamento è stata a cura dell'architetto Vittorio Govoni che ne ha firmato il progetto ed è dotato di un'area kids con le migliori consolle d'intrattenimento e libri per ogni fascia d'età e tante altre sorprese. Impegnato da anni nel sociale, il gruppo Don Peppe lo scorso anno ha raccolto e devoluto 8mila euro e quest'anno si appresta a donarne 10mila all'IRCSS di Napoli, anche attraverso la vendita della pizza Pascalina, la pizza «che allunga la vita» nata da un progetto dell'Istituto dei Tumori di Napoli Fondazione Pascale per la diffusione di un comportamento sano e attento ad una corretta alimentazione.

Ultimo aggiornamento: 13 Dicembre, 07:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA