Napoli, 50 persone denunciate per abbandono di rifiuti in strada

Giovedì 9 Aprile 2020

Sono oltre 50 le persone denunciate dalla Polizia municipale di Napoli nei primi mesi del 2020 perché sorprese ad abbandonare rifiuti speciali in strada. Molto spesso, fanno sapere dalla Polizia locale, sono persone provenienti dai comuni limitrofi. In pieno centro storico è stato identificato un cittadino che, dopo aver accostato l'auto al margine destro della carreggiata, è sceso e, approfittando della scarsa presenza di persone per la strada, ha scaricato a terra e abbandonato grossi sacchi neri colmi di rifiuti. Controllando poi le immagini delle vie del quartiere Miano, gli agenti hanno notato un uomo che, sceso dalla propria vettura, ha scaricato a terra vecchi monitor e componenti di computer.

LEGGI ANCHE Sequestrati igienizzanti e mascherine non a norma

In entrambe le circostanze, lette le targhe dalle telecamere,  sono stati rintracciati i proprietari e si è proceduto con la redazione dei relativi verbali.Nel quartiere Ponticelli gli agenti sono intervenuti decine di volte in un'area diventata punto fisso di sversamento e, nel tempo, vera e propria discarica spesso data alle fiamme. Qui gli agenti hanno denunciato varie volte i responsabili degli abbandoni e hanno sequestrato i mezzi utilizzati per il trasporto dei rifiuti. Uno dei recenti scarichi è del 30 marzo ad opera di una persona che ha poi ripetuto poi la stessa azione anche il 1° aprile. Nonostante la targa dell'autocarro fosse ogni volta resa illeggibile, gli agenti del Reparto ambientale sono riusciti ad intercettare il veicolo, porlo sotto sequestro e a denunciarne il conducente.
Oggi invece gli agenti hanno rintracciato l'autore dell'abbandono di un'intera vecchia cucina, con tanto di mobili ed elettrodomestici, tradito da uno scontrino «parlante» di una farmacia. Il viale interessato dall'abbandono era stato totalmente liberato dai rifiuti solo pochi giorni prima delle disposizioni di contenimento della diffusione del coronavirus.

Ultimo aggiornamento: 10:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA