Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sorelle colpite con l'acido a Napoli, la disperazione in ospedale: «Aiuto, salvateci la faccia»

Lunedì 30 Maggio 2022 di Melina Chiapparino
Sorelle colpite con l'acido a Napoli, la disperazione in ospedale: «Aiuto, salvateci la faccia»

«Aiutateci, salvate il nostro viso». Lo hanno gridato in preda alla disperazione con gli occhi colmi di lacrime, ancora incredule per essere finite tra le mura di un pronto soccorso. Le due sorelle napoletane, sfregiate dall’acido la notte tra domenica e lunedì, sono arrivate all’ospedale Cardarelli a bordo della stessa ambulanza, entrambe sconvolte e impaurite ma con la lucidità di farsi forza l’una con l’altra. Le ragazze, sono entrate nel pronto soccorso tenendosi per mano e il personale sanitario ha cercato di assisterle insieme, persino durante gli esami diagnostici per impedire che il loro legame potesse interrompersi in un momento così delicato anche dal punto di vista emotivo e psicologico. Dal primo istante del loro arrivo fino alle dimissioni dal pronto soccorso, avvenute ieri mattina, le domande e le preghiere rivolte dalle sorelle a medici e infermieri, sono state sempre le stesse. «Non vogliamo che rimangano cicatrici», hanno detto le ragazze tra urla e pianti, non nascondendo la loro preoccupazione più grande e la più legittima per una 24enne e per la sorella minore di 17 anni colpite dall’acido al volto, sulle braccia e sulle mani.

Al fianco delle due sorelle, c’è stata la loro mamma che poco dopo l’arrivo dell’ambulanza, ha raggiunto le figlie al pronto soccorso, abbracciandole e rassicurandole senza allontanarsi neanche un istante dal loro letto fino a ieri mattina, quando tutte e tre hanno lasciato insieme l’ospedale. L’angoscia e le preoccupazioni delle ragazze riguardo la paura di rimanere sfregiate, sono state ribadite nella richiesta di aiuto manifestata anche dalla 46enne napoletana che, dopo essersi assicurata del fatto che non ci fossero funzioni compromesse, si è rivolta ai medici chiedendo loro di preservare l’aspetto delle due giovani. Momenti di particolare tensione, la rabbia per il torto subìto, la paura per quanto accaduto. «Salvate il volto delle mie figlie», ha detto la donna che nonostante la forte tensione e l’agitazione, ha cercato di non perdere il controllo di fronte alle ragazze, che erano visibilmente sotto choc. Per le sorelle, la buona notizia, arrivata dopo i primi accertamenti e le consulenze degli specialisti e dei chirurghi plastici, è stata di non dover necessitare del ricovero nel reparto Grandi Ustioni ma di poter intraprendere un percorso terapeutico per via ambulatoriale con il primo incontro fissato già per venerdì.

LEGGI ANCHE Gessica Notaro a Storie Italiane: «In tribunale ho dovuto sopportare i sorrisetti dell'avvocato del mio ex»

Sul drammatico episodio che ha coinvolto le due sorelle, il quartiere si è diviso. Tra i vicoletti del rione Stella, incastonato nella Sanità a ridosso di Capodimonte, c’è chi ha reagito con un silenzio serrato e chi, invece, è convinto che si tratti di una lite familiare o, in qualche modo, di una conseguenza dovuta a dissapori tra parenti. Una cosa è certa, sono in pochi a credere che tra gli aggressori e le vittime non ci fosse nessuna conoscenza. Altrettanto certo e tangibile, nel rione, è il dolore e la vicinanza espressa nei confronti della famiglia delle ragazze che ieri non sono rientrate nella loro abitazione ma «sono state portate in un luogo sicuro», come ha spiegato un parente delle giovani che, involontariamente, con l’allontanamento delle ragazze del quartiere ha rafforzato l’idea di chi sostiene si tratti di ostilità tra consanguinei. Una vicenda che ora attende gli esiti delle attività di indagine condotte dalla squadra mobile del primo dirigente Alfredo Fabbrocini, mentre sotto il profilo medico ha inizio una terapia per eliminare le tracce dello sfregio a colpi di acido. 
 

Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 17:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA