Sit-in a Santa Lucia, la protesta
dei sanitari dell'ASL Napoli 1

di Melina Chiapparino

Sit-in di protesta a Santa Lucia, davanti al palazzo della Regione Campania, dove si sono riuniti i sanitari dell’Asl Napoli 1 in scadenza di contratto. La manifestazione allestita con striscioni sistemati davanti all’ingresso della sede istituzionale, è cominciata intorno alle 9.30 di questa mattina coinvolgendo anche i comparti sindacali della Cgil, Cisl e Uil presenti con delegazioni a supporto dei 120 lavoratori assunti a tempo determinato nel dicembre del 2017.
 


Il sit-in di oggi non è la prima forma di protesta attuata dagli infermieri e dagli operatori socio sanitari, per i quali a breve si concluderà l'esperienza lavorativa con l’Asl Napoli 1. «Ci hanno assunto a tempo determinato quando mancava l'organico per far funzionare molti reparti e per aprire il pronto soccorso dell’ospedale del Mare-dicono i manifestanti- adesso che mancheremo i nostri posti non potranno essere sostituiti in tempi brevi tramite i concorsi e le graduatorie e chi ci rimetterà saranno i pazienti».
 


«Chiediamo l’intervento di tutte le istituzioni e del Prefetto-concludono I sanitari- siamo qui per chiedere una proroga e un percorso concorsuale che ci possa coinvolgere». Nel frattempo il neocommissario Asl Ciro Verdoliva ha fatto sapere che riceverà i sanitari lunedì prossimo per un confronto. 
Mercoledì 24 Aprile 2019, 12:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-04-24 14:04:14
Caro Mattino, perchè non essere più precisi nel titolo, che spesso è l'unico che legge il lettore frettoloso? Sciopero degli operatori socio-sanitario PRECARI della Asl 1! Operatori cioè che furono assunti nel 2017 "a tempo determinato", e che ora cercano di forzare la mano, come sempre avviene a Napoli, per bypassare il concorso di assunzione. Si potrebbe semmai prorogare il tempo determinato fino all'espletamente del concorso: sarebbe una decisione di buon senso.

QUICKMAP