Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, la terza dose del vaccino a Napoli: ecco chi può farla e come procedere

Venerdì 5 Novembre 2021 di Maria Pirro
Covid, la terza dose del vaccino a Napoli: ecco chi può farla e come procedere

Non muta solo il virus. Con la terza dose, cambiano le regole nella campagna di vaccinazione anti-Covid. Chiamati a ripetere l'iniezione, a distanza di almeno sei mesi, tutti gli over 60 (senza ulteriori scaglioni per età), i soggetti fragili e gli immunodepressi. Più i medici, gli infermieri e gli operatori socio-sanitari (i primi convocati dal 27 dicembre 2020, nel V-Day), quindi tutto il personale al lavoro nella strutture sanitarie. Ventottomila solo nella Asl Napoli 1 Centro, dove la metà al momento ha aderito. Non di più. E, dal 4 novembre, anche il personale scolastico e universitario è inserito nell'elenco. Si tratta di 20mila cittadini nel capoluogo campano che il governatore Vincenzo de Luca e il manager Ciro Verdoliva vorrebbero immunizzare entro fine novembre, perché considerati più a rischio di contagio. Più a rischio dei poliziotti e degli altri operatori delle forze dell'ordine, lasciati in stand-by. Ma l'obiettivo appare difficile da raggiungere, se si considerano le risposte ottenute in questi giorni: appena qualche centinaio tra gli insegnanti. 

I tempi rivisti tra una puntura e l'altra rappresentano uno dei motivi di perplessità. L'invito a rafforzare le difese arriva, infatti, a distanza ravvicinata: dopo sei anziché nove mesi indicati all'inizio della profilassi. Per non parlare del Green pass, che vale un anno (salvo ulteriori variazioni). Per fugare i dubbi sul da farsi, una soluzione è verificare il livello di anticorpi tramite un test sierologico. L'esame del sangue basta a capire se la protezione è ancora alta oppure no. In quest'ultimo caso sono diversi, e più diffusi sul territorio, i centri attrezzati per la somministrazione del farmaco: a Napoli effettuano circa tremila iniezioni al giorno. 

Video

Chiuso lo spazio allestito al museo Madre, come quello nell'hangar a Capodichino, restano l'hub vaccinale nella Mostra d'Oltremare e quello nella Fagianeria di Capodimonte. I due presidi sono aperti tutti i giorni, domenica compresa, dalle 9 alle 18. Ma è anche possibile andare nei distretti sanitari della Asl, come negli studi dei medici di famiglia e nelle farmacie che hanno dato la propria disponibilità. Altra differenza: non bisogna più presentarsi in un luogo prestabilito, su appuntamento. Abolita la prenotazione. L'Asl non manda più un sms di convocazione, ma un invito sul telefonino per spiegare che l'adesione è volontaria. E, per ulteriori chiarimenti, dal lunedì al venerdì (9-14) è attivo anche il numero verde 800954427 gestito dai medici in pensione con l'Ordine. 

Ultimo aggiornamento: 6 Novembre, 15:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA