Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Il lato sostenibile delle aziende», l'appuntamento firmato «Aoh» per chi ama il bello

Martedì 21 Giugno 2022
«Il lato sostenibile delle aziende», l'appuntamento firmato «Aoh» per chi ama il bello

Il tour settembrino «Arkeda Open House» a Napoli dal 21 al 24 settembre 2022 si appresta a prendere forma, dopo i consensi trasversali, dell’ultima edizione. Tutti pazzi per l’architettura nell’intento di approfondire le conoscenze su quella parte della città a tutti nota, ma che ha ancora tanto da raccontare. In modo conviviale, non solo per gli addetti ai lavori, ma adatta a tutti, curiosi, appassionati e turisti che amano vedere e arricchirsi di bello. Un modo alternativo per godersi la città, con l’appuntamento che si ripropone alla V° edizione, con il consueto messaggio: abitare è un interesse trasversale per tutti. Ideato e organizzato dalle giornaliste Annalisa Tirrito e Daniela Ricci, il progetto è realizzato con il contributo della Regione Campania – Direzione Generale Governo del Territorio, sostenuto da «Studio Trisorio», con il patrocinio del Comune di Napoli, dell’Ordine degli architetti pianificatori paesaggisti conservatori di Napoli e Provincia e dell’Oice- Confindustria, oltre alla collaborazione dell’istituto «Ipseoa Duca di Buonvicino». Il mondo degli architetti, così ha nuova vita, e si apre direttamente al pubblico, senza intermediari, per avere finalmente incontri diretti e confronti fattivi, per indagare un tema sempre più necessario e caro, attraverso gli appuntamenti dal mattino alla sera del tour Aoh.

 

Perlopiù nelle zone Chiaia, Centro e Vomero, ma con interessanti fuori porta, muniti di braccialetto d’artista quest’anno realizzato dal maestro Roberto Sanchez, che ha interpretato appieno il tema dell’evento, visto che già nel suo modus operandi titola architettura minima una serie di lavori ispirati alla creatività, alla ricerca dell'essenzialità della stessa. Occhio sempre più attento alla sostenibilità con la partecipazione di studi che lavorano privilegiandola, con nomi che saranno svelati a settembre, ma che hanno visto nella scorsa edizione la partecipazione di Nhp Esco srl, «Studio Bargone architetti associati», «Ars Constructa», Valentina Garraffa, Giuliana Morelli, B5 srl, KR e Associati S.r.l., Michele Piccolo + Partner 2D’A Labdesign, SmithBarracco, Fabiana Longo e Rosa Troja, Studio Archis, Interplan 2 Architects, Poiesis Architetti, MT-A, Zetastudio, Manuarino Architettura, e Od’A Officina d’Architettura.

 

Per ammirare Napoli “da dentro” in ambienti privati, nonché avendo accesso a scorci e panorami di cui ogni struttura gode, è stata e sarà una opportunità unica, che rende attesissima l’iniziativa, il cui programma è come di consuetudine pubblicato ogni edizione sul sito www.arkedaopenhouse.it e le pagine social facebook ed instagram dedicate. Il percorso è volutamente trasversale e vario, per mostrare una rosa di ambientazioni tra le più poliedriche, con diverse tipologie di specializzazioni, con le realtà professionali, che spaziano dalla propria casa/studio a cantieri in fase di lavoro, perchè l’architettura il design e le scelte belle da vedere e da vivere, non piacciono solo agli addetti ai lavori ma anche e soprattutto a chi le vive.

© RIPRODUZIONE RISERVATA