Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Napoli tra culti e misteri», il percorso culturale tra arte e degustazione promosso dai licei napoletani

Mercoledì 25 Maggio 2022
«Napoli tra culti e misteri», il percorso culturale tra arte e degustazione promosso dai licei napoletani

Sensibilizzare gli studenti al patrimonio culturale e artistico di Napoli per coinvolgerli utilmente in un'attività di promozione e valorizzazione dei beni presenti in città. È l'obiettivo del progetto «Napoli tra culti e misteri» che, nell'ambito del «Piano Triennale delle Arti», ha coinvolto gli studenti del triennio del liceo classico «A. Genovesi» (scuola capofila), dell'Istituto tecnico «G. Ferraris», dell'Istituto internazionale «M. Pagano» e dell'alberghiero «V. Veneto», rispettivamente guidati dai presidi Vittorio Delle Donne, Saverio Petitti, Antonio Curzio e Olimpia Pasolini.

Gli studenti del liceo Genovesi hanno ideato il percorso e realizzato le schede illustrative sui monumenti oggetto di studio (la Basilica di San Giovanni Maggiore, il Complesso Archeologico di San Carminiello ai Mannesi, la Basilica di Santa Restituta, la Basilica di San Lorenzo Maggiore, la Basilica di San Paolo Maggiore e la Basilica della Pietrasanta). Quelli del Mario Pagano hanno curato la traduzione delle schede in inglese, francese e spagnolo, schede sono poi confluite nell'app e nel sito web curati dagli studenti del Galileo Ferraris.

Video

La manifestazione si concluderà nella tarda mattinata di oggi: dopo una visita ai siti di San Giovanni Maggiore, del Complesso del Carminiello, di Santa Restituta e di San Paolo Maggiore, studenti e docenti si ritroveranno presso la Basilica della Pietrasanta per una degustazione di piatti della tradizione tardo-romana realizzati dagli studenti dell'alberghiero Vittorio Veneto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche