Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fondazione pietà de’ Turchini, in scena la violinista spagnola Lina Tur Bonet con Musica Alchemica

Giovedì 7 Aprile 2022
Fondazione pietà de’ Turchini, in scena la violinista spagnola Lina Tur Bonet con Musica Alchemica

Arriva in Italia per tre concerti promossi dall’instituto Cervantes la violinista e compositrice spagnola Lina Tur Bonet. Accompagnata dall’ensemble Musica Alchemica, si esibirà l’8 aprile 2022 a Roma al Palazzo di Spagna, il 10 aprile a Napoli alla Fondazione Pietà de’ Turchini e il 12 aprile a Palermo presso la Chiesa di Santa Eulalia dei Catalani.

In tournée per l'Italia per la quinta edizione del progetto europa, frutto della collaborazione con l'Istituto nazionale delle arti dello spettacolo e della musica (Inaem) e il Centro nazionale di diffusione musicale (Cndm), presenta un programma incentrato soprattutto su Angelo Corelli, le cui sonate in trio hanno costituito una standardizzazione formale e armonica della scrittura barocca per complessi strumentali. Insieme a Corelli, potremo apprezzare l’opera di un gesuita sivigliano, Francisco José de Castro, che visse e lavorò in Italia, scrivendo musica da dilettante con uno stile di chiara ispirazione corelliana. Il legame tra Spagna e Italia finisce per allacciarsi anche alla figura di Domenico Scarlatti, le cui sonate sono ritenute intramontabili.

Video

Acclamata dalla critica per il suo virtuosismo, unito ad una musicalità fuori dal comune e alla sua energia scenica, Lina Tur Bonet ha intrapreso una carriera versatile e personale da violinista e direttrice. Il suo repertorio abbraccia più di 400 anni di musica, utilizzando sempre strumenti originali dell’epoca. Fin da giovanissima ha lavorato con molti dei gruppi più riconosciuti di musica barocca, romantica e contemporanea, tra cui “Les musiciens du Louvre”, “Les arts florissants”, “Mahler Chamber Orchestra” e l'Orchestra Mozart Bologna diretta da Claudio Abbado, Daniel Harding John Eliot Gardiner

Scelta come artista d’eccezione al festival di Montreal nel 2017 per interpretare l’assolo integrale per violino di J. S. Bach, ha eseguito tutte le sonate del Rosario di Heinrich Ignaz Franz von Biber in Spagna, a Vienna e a Tokyo, insieme a concerti per violino e orchestra da Vivaldi a Bartok. In carriera ha ottenuto numerosi premi da riviste di settore, tra cui il prestigioso Diapason d’Oro. È stata premiata, inoltre, in diversi concorsi internazionali come il premio Bonporti, mentre il suo lavoro discografico con le sonate di Beethoven ha ricevuto 5 dalla radio di Berlino.

Nei tre concerti italiani dal titolo “Corelli e l’Arcangelo spagnolo” la violinista e direttrice originaria di Ibiza dividerà il palco con Musica Alchemica. Un ensemble flessibile, per l’occasione composto da Valerio Losito al violino, Oleguer Aymami al violoncello e Diego Ares al clavicembalo. Fondato da Lina Tur Bonet durante il suo soggiorno a Vienna, Musica Alchemica ha debuttato a Villa Musica a Mainz e al Festival di Potsdam con l’opera Alessandro di Handel, diretta da Alan Curtis

Grazie al suo carattere multidisciplinare, Musica Alchemica collabora con il poeta Antonio Colinas ne “La tumba negra”, con l’artista Ángel Haro in “Folia”, esibendosi nei principali teatri e sale da concerto in Europa, America e Asia. Oltre che in musei e spazi culturali internazionali, unendo tecniche audiovisive alla sua musica e collaborando con videoartist, pittori, cineasti, illustratori di moda e attori. Ha collaborato anche a progetti pedagogici a Panama e in Bolivia, impartendo lezioni Magistrali e condividendo il palco con giovani musicisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA