Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La disabilità non è un limite
«Abili e Oltre» arriva a Mergellina

Giovedì 10 Maggio 2018 di Rossella Grasso
La disabilità non è un limite «Abili e Oltre» arriva a Mergellina

Chi ha detto che la disabilità è un limite? Lo testimonia la mostra «Abili oltre...in viaggio» nell'atrio della stazione di Mergellina. Dodici progetti grafici ispirati ad altrettanti personaggi famosi con disabilità che hanno raggiunto affermazioni e riconoscimenti in vari campi, dallo sport all'arte, alla tecnologia, alla musica, al teatro. Le opere esposte sono state realizzate da ragazzi abili e disabili, ospitati e coordinati dal Liceo Artistico Enzo Rossi di Roma con la collaborazione di 12 associazioni onlus impegnate nella disabilità. «La mostra è un manifesto che esprime due concetti fondamentali - ha detto Marino D'Angelo, presidente dell'associazione no profit Abili Oltre - la prima è che la diversità nel momento in cui viene messa nelle condizioni di esprimere la sua potenza produttiva diventa produttività di alta qualità. Basta guardare le opere per capire a che livello la collaborazione tra fragilità e la stabilità cosiddetta normodotata può arrivare. In secondo luogo dimostra come nel momento in cui c'è un contatto e una conoscenza tra le diversità, questa diventi un antidoto contro la violenza e il bullismo. Nelle classi composte da abili e disabili il fenomento non esiste. Un segnale che ci indica la strada giusta per arrivare a una società dell'inclusività e non a una che scarta».  

Tra i 12 personaggi 'ispiratori', figurano Jacob Barnet, autistico di 16 anni, che sta conseguendo un master in fisica quantistica presentando un quoziente intellettivo superiore a quello di Einstein, Massimiliano Sechi, campione del mondo di giochi elettronici competitivi, focomelico privo di braccia e gambe, Simona Atzori, priva di braccia dalla nascita, che ha intrapreso con successo l'attività di pittrice e ballerina classica. A loro, a coloro diventati famosi nello sport, l'arte, la tecnologia, la cultura, lo spettacolo, si ispirano i progetti grafici che danno vita all'esposizione giunta a Napoli dopo avere toccato Milano, Roma, Torino e Reggio Calabria.

Lo scopo è quello di sensibilizzare le istituzioni e i cittadini sul valore del lavoro per tutti e sulla necessità di ripensare a una produttività economica orientata all'inclusione. Sono previsti un Help Point per l'orientamento, la consulenza e l'assistenza di Start up Terzo Settore, anche alla luce della recente riforma, la promozione di iniziative social oriented, incontri in ogni piazza con le realtà del Terzo Settore Comunali mirate a fare rete. 
L'altro step di progetto, Abili Oltre... in Azienda, prevede l'esposizione della Mostra nelle sedi centrali delle maggiori imprese e aziende nazionali ed internazionali operanti in coinvolgimento di manager, lavoratori, stakeholder interni e esterni in un percorso di sensibilizzazione per la formazione del disabilty management, come previsto dal progetto secondo Programma d'Azione biennale sulla Condizione delle Persone con disabilità in linea sia con la convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità sia con la Strategia Europea2010-2020. 

Abili... in Viaggio è un progetto di Abili Oltre No Profit, presieduta da Marino D'Angelo, una Smart Community che promuove e favorisce la costruzione di modelli lavorativi solidali attraverso politiche di avviamento al lavoro ed architetture organizzative inclusive solidali attraverso politiche di avviamentro al lavoro ed architetture organizzative delle diversità in ogni espressione. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA