Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

AURELIO DE LAURENTIIS

Berlusconi prepara il tour a Napoli: «Allo stadio per la sfida con il Monza»

Giovedì 18 Agosto 2022 di Valentino Di Giacomo
Berlusconi prepara il tour a Napoli: «Allo stadio per la sfida con il Monza»

«Più uno presta attenzione alle coincidenze, più queste si verificano». Nell’entourage di Silvio Berlusconi si cita una massima di Nabokov mentre fissano in agenda una possibile visita del Cavaliere a Napoli per il prossimo weekend. Sarà pure una coincidenza, ma domenica allo stadio Maradona arriva proprio il Monza di Berlusconi per sfidare nella seconda giornata di campionato il Napoli di De Laurentiis.

Napoli e Monza, non sono soltanto le due città alle quali, con Milano, il leader di Forza Italia è più legato, ma rappresentano soprattutto i due collegi nei quali Berlusconi sarà candidato al Senato per le prossime elezioni politiche. Il match del Maradona arriva proprio alla vigilia della consegna delle liste, quale migliore occasione per il Cavaliere di iniziare con uno sprint calcistico la sua campagna elettorale guardando ad entrambi i collegi nei quali si presenterà agli elettori. A Napoli, tra l’altro, Berlusconi dovrebbe guidare il listino del Senato per il proporzionale di Campania 1. Assai probabile che Berlusconi, nel complessissimo meccanismo del rosatellum, possa essere eletto proprio alle pendici del Vesuvio. Di qui la suggestione di recarsi al Maradona, uno stadio dove raramente è stato in passato anche quando era dedicato a San Paolo. Un modo per vedere i suoi ragazzi in maglia biancorossa in campo e magari far partire proprio dal Sud la campagna elettorale di Fi. 

LEGGI ANCHE Berlusconi a Monza e Meloni a Roma, le scelte tattiche dei big per le liste del centrodestra

Ieri Berlusconi era in Sardegna, nella sua Villa Certosa, dove da qualche giorno sta trascorrendo un periodo di relax con la sua compagna Marta Fascina. Non solo svago perché, anche ieri, il leader di Forza Italia ha ricevuto una delegazione dei suoi parlamentari per fare il punto proprio sulle liste. Un occhio particolare è stato riservato, ovviamente, proprio alla Campania. Qui non solo correrà lo stesso Berlusconi, ma dovrebbe conquistarsi una rielezione per Montecitorio anche la sua compagna Marta Fascina, che ha vissuto per anni a Portici, dove ancora risiede il papà. L’idea di tornare a Napoli, stavolta per guardare anche la partita del suo Monza, è balenata proprio ieri durante un pranzo a Villa Certosa. Il presidente di Fi non ha per nulla escluso l’idea anche se sperava di potersi godere qualche giorno in più in Sardegna, ma il richiamo di Napoli è sempre fortissimo. Al momento l’appuntamento con lo stadio Maradona è stato inserito in agenda come ipotesi di programma, poi tra domani e dopodomani si deciderà.

LEGGI ANCHE Calenda-Bonino, la battaglia del Terzo polo: ex amici nella sfida di Roma centro

Del resto quando Berlusconi è stato lo scorso maggio in città è rimasto così colpito dall’affetto dei napoletani che ha completamente stravolto la sua agenda per restare un giorno in più a Napoli. Giunto al sabato per partecipare alla convention nazionale di Fi alla Mostra d’Oltremare, il Cavaliere è rimasto in città fino a lunedì quando invece aveva programmato di ripartire alla domenica. Selfie tra la folla, pizza a forma di cuore sul lungomare con la sua Marta, un pranzo con il papà di Fascina e il suo staff da Cicciotto a Marechiaro concedendosi ai posteggiatori del ristorante per cantare “O sole mio”. L’energia di Napoli è stata così contagiosa che l’ex premier aveva annunciato ai suoi di voler comprare una casa a Capri. Berlusconi non tornava a Napoli, anche a causa della pandemia, da oltre quattro anni, l’aver recuperato il suo legame con i napoletani lo ha galvanizzato. «Mi sono sempre definito - ha ripetuto anche l’ultima volta - un napoletano nato a Milano». Più vicini gli sono sembrati i momenti in cui da presidente del consiglio organizzava eventi internazionali come il G7 ma anche aver portato il consiglio dei ministri a svolgersi proprio a Napoli per risolvere l’emergenza rifiuti. E poi ancora i comizi in una piazza del Plebiscito gremita quando, però, Forza Italia viaggiava su percentuali mai più ripetute in Campania. Ora l’idea è di trovare nuovamente l’acclamazione della gente di Napoli. Ben inteso che allo stadio Maradona l’entusiasmo sarà certamente più forte se il suo Monza ne uscirà sconfitto contro Spalletti e i suoi ragazzi.

Video

Ultimo aggiornamento: 19 Agosto, 09:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA