Napoli, vessati dal racket: «Una vita sotto scorta, io e mio padre in esilio ma in aula a testa alta»

Giovedì 14 Ottobre 2021 di Leandro Del Gaudio
Napoli, vessati dal racket: «Una vita sotto scorta, io e mio padre in esilio ma in aula a testa alta»

Hanno cambiato vita, non senza una buona dose di nostalgia e amarezza d’animo, nella convinzione di aver agito nel giusto: non era più possibile accettare ricatti, convivere con ogni genere di sopruso e - in modo più diretto - lavorare e fare sacrifici per assicurare una tangente al sistema camorristico cittadino. Due storie, due volti, una sola famiglia: un padre e un figlio, che si sono affacciati in un’aula di giustizia, per fare un gesto...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 15 Ottobre, 18:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA