Green pass, cosa fanno gli altri Paesi? Obbligatorio in Francia, in Gran Bretagna liberi tutti

Sabato 24 Luglio 2021 di Alessio Esposito
Green pass e obbligo vaccinale, dalla Francia alla Gran Bretagna: cosa fanno gli altri Paesi

Qui da noi, a partire dal 6 agosto, il Green pass sarà obbligatorio per locali, eventi, musei, cinema e tanto altro. Ma come si comportano gli altri Paesi? Il certificato verde è diventato un vero e proprio lasciapassare per decine e decine di attività, ma anche una spinta in più a vaccinarsi per quei cittadini ancora indecisi. Oltre che per spostarsi fra Stati diversi dell'Unione Europea, il pass sanitario riveste un ruolo sempre più cruciale nei singoli Paesi per contrastare il diffondersi della temuta variante Delta con misure ad hoc.

Green Pass, dove serve? La guida per l'uso (e i benefici) del certificato verde 

Francia

Obbligo di vaccinazione per il personale sanitario dal prossimo settembre e Covid pass obbligatorio da agosto per caffé, ristoranti, centri commerciali, musei, ma anche aerei, treni, pullman di lunga percorrenza e strutture mediche. Queste le misure prese dal governo francese per accelerare le vaccinazioni e contrastare il dilagare della variante Delta nel Paese. Non è un caso se, dopo l'annuncio del presidente Macron dello scorso 12 luglio, in una sola notte quasi un milione di persone in Francia abbia prenotato un appuntamento per farsi inoculare il vaccino anti-Covid.

Regno Unito

In totale controtendenza quello che accade nel Regno Unito. Il 19 luglio è arrivato infatti il tanto agognato "Freedom Day", con la caduta di quasi tutte le restrizioni anti-Covid. Le mascherine non sono più obbligatorie nei luoghi pubblici - ad esempio nei negozi e sui mezzi di trasporto - e sono spariti i limiti agli assembramenti, così come l'indicazione a lavorare da casa. Inoltre i locali notturni, i teatri e i ristoranti hanno riaperto completamente, mentre i pub non si limitano più al solo servizio al tavolo. Tutto questo mentre il numero di contagi resta alto (ieri 36mila), sebbene in lieve calo rispetto al boom delle scorse settimane.

Video

Spagna

In Spagna si registrano chiusure a "macchia di leopardo". Le singole regioni, una dopo l'altra, stanno però andando nella stessa direzione: ripristino del coprifuoco notturno (dall'una alle sei del mattino), weekend blindati e stop agli assembramenti. Baleari, Catalogna, Comunità Valenciana e ora anche Navarra e Galizia hanno approvato questo tipo di provvedimenti. Il Green pass è obbligatorio per il turismo e, solo in alcune regioni, anche per gli eventi pubblici.

Green Pass obbligatorio, i giuristi: «Soluzione prevista dalla Costituzione»

Gli altri Paesi

Con la nuova ondata di variante Delta, la Grecia ha deciso di rendere il Green pass obbligatorio per bar, ristoranti e siti turistici. E ha istituito il coprifuoco notturno in località come Mykonos. C'è poi il caso della Germania, dove non ci sono misure specifiche legate al pass sanitario e si fa principalmente affidamento sulla sensibilità dei cittadini. In Portogallo la certificazione verde serve per andare al ristorante nelle principali aree del Paese, incluse Lisbona e Porto.

Green Pass obbligatorio in ristoranti e palestre: le nuove regole

Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 14:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA