Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vaccino e Super Green pass obbligatorio sul lavoro per gli over 50, ecco cosa rischiano da oggi i No vax

ln caso di opposizione alla sanzione la competenza è del Giudice di pace

Martedì 15 Febbraio 2022 di Diodato Pirone
No vax, gli over 50 rischiano il posto e multe fino a 1.500 euro

Quali sanzioni rischiano gli over 50 che non rispettano l’obbligo vaccinale? Da oggi i circa 500.000 che non hanno accettato somministrazioni rischiano la sospensione dal lavoro. Per loro scatta intanto una multa che può arrivare fino a 1.500 euro se si dovessero presentare sui luoghi di lavoro senza il Super Green pass.

LA MULTA DI 100 EURO
Questa sanzione - in base al decreto del 5 gennaio - si aggiungerebbe a quella da 100 euro per chi con più di 50 anni già dal primo febbraio non risulta in regola con l’immunizzazione anti-Covid. Attenzione: l'obbligo di vaccinazione per gli over-50 non vale solo per i lavoratoti dipendenti ma anche per i liberi professionisti. L’obbligo resterà in vigore fino al 15 giugno 2022 e riguarda anche coloro i quali compiano 50 anni dopo l'entrata in vigore del decreto.

Super Green pass, No vax sospesi dal lavoro: ma controlli impossibili per badanti, colf e baby sitter non regolari

La sanzione di 100 euro (applicabile una sola volta) riguarda gli ultra cinquantenni che, alla data del 1° febbraio, non abbiano iniziato il ciclo vaccinale primario o che non lo hanno completato o che non abbiano fatto «la dose di richiamo successiva al ciclo vaccinale primario entro i termini di validità delle certificazioni verdi» (vale a dire il “booster” o terza dose).

Green pass, mezzo milione di over 50 senza vaccino non potranno lavorare: cosa cambia da martedì

IL GIUDICE DI PACE

I destinatari della multa hanno 10 giorni di tempo dalla ricezione dell'avviso di sanzione per comunicare alla Asl «l’eventuale esenzione dall’obbligo vaccinale, ovvero altra ragione di assoluta e oggettiva impossibilità». ln caso di opposizione alla sanzione, la competenza è del Giudice di pace, mentre all’Avvocatura dello Stato spetta il patrocinio dell’Agenzia delle entrate.

 

Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio, 08:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA