Alice Neri morta carbonizzata in auto, l'ipotesi: «Il killer aveva un complice»

Secondo gli investigatori il killer della donna, morta carbonizzata all'interno della sua auto, potrebbe aver avuto un complice e potrebbe essersi allontanato in bicicletta

Alice Neri morta carbonizzata in auto, l'ipotesi: «Il killer aveva un complice»
Alice Neri morta carbonizzata in auto, l'ipotesi: «Il killer aveva un complice»
Lunedì 28 Novembre 2022, 17:53 - Ultimo agg. 17:58
3 Minuti di Lettura

Il corpo di Alice Neri è stato ritrovato carbonizzato nella sua auto. Un giallo, quello della 32enne trovata morta venerdì 18 novembre in provincia di Modena, e adesso gli inquirenti hanno una nuova ipotesi, ancora tutta da confermare. Secondo gli investigatori, il killer della donna potrebbe aver avuto un complice

Leggi anche > Alice Neri, il corpo carbonizzato trovato nel baule di un'auto a Modena: era scomparsa due giorni prima

L'ipotesi

 

Secondo quanto riportato da La Gazzetta di Modena, sarebbe al vaglio degli investigatori una nuova pista che potrebbe intrecciarsi alla presenza di un terzo uomo e sul quale adesso si indaga. Dalle prime ricostruzioni, le telecamere di sorveglianza della zona hanno ripreso un'automobile allontanarsi a tutta velocità dal luogo del delitto. All'inizio le forze dell'ordine ritenevano che la vettura fosse di proprietà dell'assassino e che l'uomo avesse agito da solo. L'entrata in scena di un terzo uomo ha però cambiato le carte in tavola: secondo quanto rivelato, per gli inquirenti il nuovo sospettato potrebbe essere il proprietario della macchina.

«Il terzo uomo»

Il complice, insomma, potrebbe non essere l'esecutore del delitto, ma un complice che ha cercato di far perdere le sue tracce in auto. Chi ha effettivamente incendiato la macchina di Alice potrebbe invece essersi allontanato in bicicletta. Chi indaga è infatti alla ricerca del mezzo a due ruote e sta visionando le immagini delle telecamere di videosorveglianza a caccia di indizi. Un'ipotesi che complicherebbe molto il lavoro degli investigatori, visto che le tracce del mezzo su due ruote sono molto più difficili da trovare rispetto a quelle di un'auto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA