Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lago di Garda, l'eroe che ha salvato il figlio di 14 anni prima di annegare. «Shock termico, acqua 10 gradi più fredda dell'aria»

Domenica 24 Luglio 2022
Lago di Garda, l'eroe che ha salvato il figlio di 14 anni prima di annegare. «Shock termico, acqua 10 gradi più fredda dell'aria»

Un cinquantaduenne inglese è disperso nelle acque del lago di Garda a Limone, sulla sponda bresciana. L'uomo secondo una prima ricostruzione si è tuffato in acqua da una barca per aiutare il figlio quattordicenne in difficoltà ed è annegato. Il lago nel punto dove l'uomo si è tuffato arriva ad una profondità di oltre 100 metri.

L'uomo,  il 51enne Aran Chada, in patria è stato già ribattezzato «l'eroe britannico». L'adolescente era entrato in difficoltà mentre nuotava dopo essersi tuffato da una barca che la famiglia aveva noleggiato. Il papà, un direttore vendite, ha iniziato a respirare a fatica fino ad annegare sotto lo sguardo sconvolto della moglie che lo ha visto scivolare sott'acqua senza poter far nulla per soccorrerlo.

Lo shock termico

Un comandante della guardia costiera ha detto al Sunday Times che l'uomo potrebbe aver subito una convulsione a causa di shock termico poiché venerdì pomeriggio l'acqua era di dieci gradi più fredda della temperatura dell'aria. «Faceva molto caldo, ma l'acqua era di dieci gradi più fredda... è possibile che abbia avuto un attacco a causa dello shock termico», ha dichiarato il comandante. Il signor Chada era in vacanze sul lago di Garda per festeggiare il suo compleanno con la sua compagna, Holly Mosley, 39 anni, il figlio e la figlia di sette anni.

«Un eroe»

La barca noleggiata era a circa 500 metri dalla riva, ha detto al giornale il comandante della guardia costiera Antonello Ragadale. L'urlo della signora Mosley ha allertato altre barche che sono intervenute, con un testimone oculare che ha riferito di aver sentito una donna chiede aiuto e indicare l'acqua. «Era un eroe e temiamo che sia annegato, ma stiamo facendo tutto il possibile per trovare il suo corpo», ha aggiunto Ragadale.

Ultimo aggiornamento: 25 Luglio, 00:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA