Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pedopornografia, videochiamate hard con bambine anche dell'Aquila: arrestato insegnante

Sabato 18 Giugno 2022 di Marcello Ianni
Pedopornografia, videochiamate hard con bambine anche dell'Aquila: arrestato insegnante

Contattava ragazze minorenni, una anche dell’Aquila, spacciandosi per un giovane ragazzo grazie all’utilizzo di un software in grado di modificare gli aspetti somatici del volto, e intratteneva con loro videochiamate a sfondo sessuale. Per questo un 50enne, insegnante di una scuola primaria originario del Piemonte, è stato arrestato a Roma dalla polizia a seguito di una denuncia sporta presso la Polizia Postale di Brescia da parte della madre di una minorenne vittima di adescamento che ha fatto partire l’inchiesta che con il passare dei giorni ha portato gli investigatori anche ad esaminare la denuncia presentata dai genitori di una ragazzina aquilana. L'uomo è stato trovato a seguito di indagini che sono risultate alquanto complicate in quanto il 50enne è risultato per mesi irrintracciabile.

Pedopornografia online, scambiava foto di bimbi anche di 3 anni: arrestato disoccupato di Teramo

Giulia giù dal viadotto, la mamma scrive a Papa Francesco: «E' stato un omicidio, ci aiuti»

Individuato nella Capitale, è stato sottoposto a perquisizione domiciliare e informatica, al termine della quale gli è stato sequestrato uno smartphone in cui erano presenti 144 tra immagini e video a carattere pedopornografico. L’analisi del dispositivo ha inoltre consentito di ricostruire ulteriori condotte di adescamento nei confronti di altre giovani vittime con le quali l’uomo intratteneva videochiamate hard. L’indagato avrebbe registrato le video telefonate con le minori (tra cui anche una dell’Aquila) al fine di conservare le clip, spacciandosi per un giovane ragazzo grazie all’utilizzo del “deepfake”. Considerate le fonti di prova acquisite, il giudice per le indagini preliminari di Brescia ha disposto la custodia cautelare a carico dell’insegnante, che è stato immediatamente trasferito in carcere. Le indagini, condotte dalla polizia postale di Brescia, con il supporto della Postale del Lazio, della Lombardia e della Calabria. Coinvolge le procure di Brescia e di Reggio Calabria.

Ultimo aggiornamento: 09:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA