Boom di vaccini nell'ultima settimana: somministrate oltre 345mila prime dosi. Ma i non vaccinati superano i 7 milioni

Venerdì 22 Ottobre 2021
Boom di vaccini nell'ultima settimana: somministrate oltre 345mila prime dosi. Ma i non vaccinati superano i 7 milioni

Boom di vaccini nell'utlima settimana. E' uno degli effetti dell'entrata in vigore dell'obbligatorietà del Green pass sui luoghji di lavoro. Nell'ultima settimana in Italia sono stati somministrati in totale 1.269.160 vaccini anti-Covid, di cui circa 345mila prime dosi. Eppure sono ancora 7 milioni e 600mila gli italiani che non hanno fatto neanche una dose di vaccino anti Covid. È quanto emerge dall'ultimo report del governo in base al quale sono le fasce d'età 30-39 e 40-49 quelle in cui in percentuale si registra il più alto numero di persone che non si sono ancora immunizzate (rispettivamente il 17,75% e il 17,52%), oltre alla fascia dei più giovani, quella tra 12 e 19 anni. Molto alta, invece, la percentuale di chi si è vaccinato tra i 20 e i 29 anni: l'80,53% ha completato il ciclo con entrambe le dosi.

Statali, salta il limite sullo smart working: «Disconnessi per 11 ore». Il documento in anteprima

 In base ai dati aggiornati a questa mattina, complessivamente ci sono 7.613.038 italiani che non si sono vaccinati, una cifra che corrisponde a circa il 14% della popolazione vaccinabile (di poco superiore ai 54 milioni) over 12. Guardando però le singole fasce d'età, le percentuali cambiano: se nelle persone di età più avanzata, dai 60 anni in su, chi non è immunizzato non supera il 10% del totale degli appartenenti a quella fascia (per gli over 80 è al 4,2% e per gli over 70 al 7,72%), la cifra sale al 13% tra i cinquantenni, schizza a oltre il 17 tra 30enni e 40enni e scende di nuovo al 13 tra i ventenni. Nei giovanissimi, tra i 12 e 19 anni, la percentuale è invece al 28,66%: su 4.627.514 adolescenti ce ne sono 1.326.378 senza prima dose. In numeri assoluti è la fascia tra i 40 e i 49 anni ad avere il numero più alto di non vaccinati: 1.539.524, mentre i cinquantenni senza prima dose sono 1.303.295, poco di più del 1.205.796 tra i 30 e i 39 anni. I ventenni non immunizzati sono 767.252, più o meno lo stesso numero degli appartenenti alla fascia tra i 60 e i 69 anni, 785.995. Numeri invece molto più bassi nelle due fasce più a rischio: gli over ottanta sono 220.060, i settantenni 464.736.

Con i vaccini somministrati nell'ultima settimana salgono a quota 88.360.760 le dosi complessivamente utilizzate, pari all'88,2 per cento delle dosi finora consegnate (pari a 99.709.673 di cui 71.089.475 di Pfizer/BioNTech, 11.543.522 di Vaxzevria di AstraZeneca, 15.231.792 di Moderna e 1.844.884 di Johnson & Johnson). I dati sono riportati nel bollettino elaborato dalla presidenza del Consiglio dei ministri, ministero della Salute e struttura del commissario straordinario al Covid-19, aggiornato alle 6:15 di oggi. Ammonta invece a 44.200.401 (l'81,84 per cento della popolazione over 12) il totale delle persone vaccinate cui sono state somministrate la prima e la seconda dose di vaccino, e 46.396.901 (l'85,90 per cento) quelle che hanno ricevuto almeno una dose. Sono, infine, 683.967 (il 22,98 per cento della popolazione) le persone a cui è stata somministrata la terza dose di vaccino anti-Covid. Per quanto riguarda la suddivisione territoriale, in testa in termini di dosi somministrate c'è la Lombardia con 15.502.362 (89,7 per cento delle dosi ricevute), seguita da Lazio con 8.624.455 (83,7 per cento) e Campania con 8.114.334 (88,4 per cento). 

Ultimo aggiornamento: 15:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA