Taranto, pesca di frodo con le bombe: cinque arresti per disastro ambientale

Martedì 26 Novembre 2019
Uno degli ordigni sequestrati ai pescatori di frodo

Si erano specializzati nella pesca di frodo con l'utilizzo di esplosivi. Alla fine, però, loro sono finiti nella rete della Guardia di Finanza e della Capitaneria di Porto di Taranto. Cinque tarantini, infatti, sono stati arrestati e collocati agli arresti domiciliari in esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip su richiesta della Procura della città pugliese.

I provvedimenti sono il punto di arrivo di una lunga e articolata attività di indagine partita dopo il ritrovamento di sette chili di esplosivo sui moli della città vecchia di Taranto. Quello si è rivelato il primo passo dell'inchiesta, battezzata "Tritone", con la quale i militari della Capitaneria e della Finanza hanno inquadrato una organizzazione dedita alla pesca di frodo.

Agli indagati vengono contestati i reati di “inquinamento ambientale” e “disastro ambientale”, per aver alterato in modo significativo e misurabile l’equilibrio di un ecosistema ricco e complesso come il Mar Piccolo di Taranto. Uno solo degli inquisiti risponde anche dell'accusa di di spaccio di sostanza stupefacente perché trovato in possesso di droga nel corso delle operazioni.

Ultimo aggiornamento: 17:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA