Quarantena, serve il tampone per uscirne? Le regole e le differenze tra positivi, asintomatici e vaccinati

Lunedì 3 Gennaio 2022 di Michela Allegri
Quarantena o isolamento, ecco quando scattano: differenze tra positivi, asintomatici e vaccinati

Test rapidi equiparati ai molecolari, nessuna quarantena in caso di contatto con un positivo al Covid per chi abbia già effettuato la dose booster di vaccino, ma con obbligo di indossare per dieci giorni la mascherina Ffp2. Dall’1 gennaio sono scattate le nuove regole, disciplinate da una circolare diffusa dal ministero della Salute. Ma quali sono le norme, e come ci si deve comportare in caso di infezione o di rischio contagio?

 

 

 

 

Quarantena per i vaccinati, le regole

 

Il Ministero ha stabilito che i soggetti asintomatici che abbiano ricevuto la dose booster, abbiano completato il ciclo vaccinale primario nei quattro mesi precedenti, oppure siano guariti dal Covid nei quattro mesi precedenti, non debbano più fare la quarantena in caso di contatto con una persona positiva: per loro è solo prevista autosorveglianza di cinque giorni, con obbligo di indossare la mascherina Ffp2 per almeno dieci giorni. La stessa cosa vale per chi sia guarito, o sia vaccinato - con almeno due dosi - da meno di 120 giorni. È però prevista l’effettuazione di un tampone alla prima comparsa dei sintomi e, se i disturbi persistono, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto stretto con un positivo. Nel caso in cui il test venga effettuato presso centri privati abilitati, è necessario trasmettere alla Asl il referto negativo, anche con modalità elettroniche, per determinare la cessazione del periodo di autosorveglianza. Ai contatti stretti che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da più di 120 giorni e che abbiano comunque un Green pass rafforzato valido si applica una quarantena con una durata di 5 giorni con obbligo di un test molecolare o antigenico negativo al quinto giorno.

 

 

 

 

 

Quarantena per i non vaccinati


Per i non vaccinati, invece, la quarantena resta di 10 giorni. E in caso di contagio? I sintomatici possono rientrare in comunità dopo un periodo di isolamento di almeno 10 giorni dalla comparsa dei disturbi, ma sarà necessario avere un test molecolare o antigenico negativo effettuato almeno 3 giorni dopo la scomparsa di febbre, raffreddore e mal di gola. Anche per gli asintomatici vale l’isolamento di almeno 10 giorni dal risultato positivo del test. Trascorso questo periodo, dovrà essere effettuato un nuovo tampone, che dovrà avere esito negativo per permettere l’uscita dall’isolamento. Se i contagiati - sempre in caso di assenza di sintomi - hanno già ricevuto la dose booster, o hanno completato il ciclo vaccinale da meno di 120 giorni, però, l’isolamento può essere ridotto da 10 a 7 giorni, ma sarà sempre necessario un test negativo.

 

 

Video

 

 

Ultimo aggiornamento: 4 Gennaio, 08:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA