Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scandalo a Roma: «La preside del liceo sta con un alunno». E ora rischia il licenziamento

Martedì 29 Marzo 2022
Roma, «La preside del liceo sta con un alunno». La dirigente rischia il licenziamento

Roma, scandalo al liceo Montale di via di Bravetta per una relazione tra la preside e un alunno appena maggiorenne. Quella che sembrava una voce di corridoio, è finita per diventare un vero e proprio caso, che ha coinvolto altri docenti e che ha indotto l'Ufficio scolastico regionale a far intervenire gli ispettori.

Leggi anche > Dopo il Covid tornano le gite: ma per gli studenti solo Italia. Come si muovono le classi di Roma

Nel liceo, di indirizzo pedagogico, classico e linguistico, considerato uno dei migliori di Roma tra i linguistici, la voce si era diffusa qualche settimana fa. E sui muri della scuola, avevano iniziato a comparire scritte che facevano riferimento proprio alla storia tra l'alunno 18enne e la preside del liceo. «La laurea in pedagogia l'hai presa troppo seriamente», «Chi sa deve agire» e «Il tuo silenzio parla per te» appaiono veri e propri attacchi nei confronti della dirigente scolastica, che era arrivata da poco al Montale.

Come riporta La Repubblica, la storia tra l'alunno 18enne e la preside sarebbe iniziata ai primi di dicembre, nei giorni dell'occupazione del liceo Montale. Il ragazzo, considerato un alunno modello con il massimo dei voti, avrebbe iniziato conversazioni con la dirigente scolastica prima tramite alcune mail, poi con delle chat e infine con veri e propri appuntamenti. L'alunno, però, ad un certo punto aveva deciso di troncare la relazione, ma non sapendo come fare si era confidato con alcuni compagni di scuola. A quel punto, la vicenda è diventata di dominio pubblico e dagli studenti, la voce sarebbe arrivata ai professori e, infine, all'Ufficio scolastico regionale.

 

Gli ispettori inviati al liceo dovranno chiarire tutti gli aspetti della vicenda, ma la preside finora ha negato tutto senza rispondere ad alcuna domanda. E intanto, questa mattina, le scritte contro la dirigente scolastica sono state coperte dalla vernice dello stesso colore dei muri esterni del Montale.

Ultimo aggiornamento: 18:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA