Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, Irma muore a 39 anni: era vaccinata e combatteva contro altre patologie

Mercoledì 23 Febbraio 2022 di Tito Di Persio
Covid, Irma muore a 39 anni: era vaccinata e combatteva con altre patologie

Completamente immunizzata grazie al vaccino, Irma Marinozzi è morta a soli 39 anni. È in lutto il paese di Montorio al Vomano, in provincia di Teramo, dopo aver appreso la tragica notizia della perdita della donna. La 39enne, affetta da disabilità e patologie pregresse, frequentava l’associazione Aptdh-Onlus dell’Aquila, che da dieci anni si prendeva cura di lei. E all’Aquila vive e lavora anche la sorella maggiore Splendora. Le due sono orfane dalla nascita. Irma era stata ricoverata precauzionalmente all’ospedale San Salvatore a causa del Covid-19 che, in ogni caso, aveva superato: stava addirittura per essere dimessa, l’altro giorno, quando è rimasta vittima di un malore fatale. Il papà era morto quando erano ancora bambine e la madre pochi anni dopo. «Tutte le responsabilità erano cadute su Splendora ancora adolescente, che ha dovuto ricoprire il ruolo di madre, padre e procurarsi i soldi per portare avanti la casa e per le cure della sorellina», sottolinea il gruppetto di montoriesi. Raccontano ancora che solo da qualche hanno la vita di Splendora era migliorata da quando aveva trovato il posto di lavoro fisso al call center dell’Inps all’Aquila. «Non meritava di vivere un’altra tragedia», concludono.

Medico no vax, il paziente morto per una cardiopatia: «Lesioni polmonari da Covid»

«La scomparsa di una ragazza così giovane lascia tutti noi senza parole, la morte improvvisa e inaspettata di Irma ci addolora profondamente e ci uniamo al dolore della sorella Splendora e di tutti i suoi cari», afferma il sindaco di Montorio Fabio Altitonante. Moltissimi i messi di cordoglio anche sui social. I funerali si celebreranno questa mattina alle 11 presso la chiesa della Madonna di Fatina a Villa Maggiore. «Frequentava il nostro centro da dieci anni - racconta Anna Rita Felice, che ha fondato Aptdh-Onlus - partecipava con facilità alle nostre iniziative. Abbiamo fatto molto per lei e questa notizia ci ha colto come un fulmine a ciel sereno. Ricorderemo la sua espressione sempre serena e sorridente, un bellissimo ricordo».

Covid, Roberto muore a 50 anni: non era vaccinato


UN’ALTRA VITTIMA Sempre ieri a causa del Covid è deceduto nel reparto di malattie infettive dell’ospedale Mazzini l’ex infermiere Antonio Scipioni. L’uomo aveva 73 anni, anche lui era completamente immunizzato ed era di Teramo. In città lo conoscevano tutti perché oltre all’operatore sanitario insieme la figlia era titolare della “Masseria Scipioni”, di un maneggio e ricovero per cavalli nel quartiere di Rocciano. Lascia la moglie Silvia, le figlie Maria e Valeria. I funerali avranno luogo domani alle 15 nella frazione di Rosciano.

Ultimo aggiornamento: 10:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA