Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Waima Vitullo, ex pornostar vittima di stalking: arrestato l'ex napoletano, riceveva 600 tra messaggi e telefonate al giorno

Venerdì 10 Giugno 2022 di Francesca De Martino
Waima Vitullo, ex pornostar, vittima di stalking: riceveva 600 tra messaggi e telefonate al giorno. In carcere l'ex

Seicento tra messaggi e chiamate ogni giorno, con insulti pesanti, allusioni al fatto di potere arrivare a lei in qualunque momento, pesanti riferimenti al padre morto, frasi di odio anche contro suo figlio. È questo quello che avrebbe subito dal suo ex compagno per almeno un mese e mezzo Waima Vitullo, 43 anni, ex attrice hard e personaggio televisivo. Ieri Marcello Schiattarella, 35enne, residente a Napoli, è finito in carcere su richiesta del gip di Roma. L’uomo è stato fermato due giorni fa.

Il divieto di comunicazione e avvicinamento a 350 metri dall’ex attrice, emesso dall’autorità giudiziaria poco dopo la denuncia presentata ad aprile scorso dalla vittima, non era bastato a placare l’uomo, che era diventato sempre più insistente. La procura capitolina, con il pm Daniela Cento, ha aperto un fascicolo a carico del 35enne e indaga per stalking. 

«La mia assistita ora può tornare finalmente a vivere e a riprendere una quotidianità normale – ha detto l’avvocato della Vitullo, Licia D’Amico – Era stata costretta a lasciare casa sua per andare ad abitare in una struttura protetta». «Quello che ha vissuto Waima non è un caso eccezionale e non va inserito in un contesto particolare – ha proseguito l’avvocato D’Amico – È molto più frequente di quanto si possa pensare. Finché non l’abbiamo messa al sicuro, non sono stata tranquilla per la sua incolumità. Ci sentivamo in continuazione, per molto tempo non ha messo il naso fuori da casa. Ma è stata forte: Waima è un esempio per tante donne perché ha avuto subito il coraggio di denunciare gli atteggiamenti vessatori e violenti subiti». 

L’ex attrice avrebbe conosciuto Schiattarella a maggio 2021, da quell’incontro sarebbe nata una frequentazione, poi naufragata dopo un mese e mezzo. L’uomo non avrebbe accettato la fine della loro storia e, così, avrebbe iniziato a tormentarla con continui messaggi in chat. Spesso le avrebbe inviato anche note vocali inquietanti in cui la minacciava di morte. La stessa vittima aveva dichiarato che il presunto stalker sarebbe arrivato a inviarle un messaggio almeno ogni 50 secondi. E, ancora, avrebbe ricevuto numerose chiamate anonime sul cellulare, alle quali lei non avrebbe mai risposto cercando di scoraggiarlo. Più volte l’uomo le avrebbe fatto sapere di essere a Roma e di seguire i suoi spostamenti, tanto da costringerla a lasciare il suo appartamento nel quartiere Tuscolano per trovare rifugio in una struttura protetta.  

Video

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori del commissariato San Giovanni, i comportamenti ossessivi del 35enne si erano intensificati nell’ultimo periodo, più volte era stato infatti visto sotto casa della donna nella Capitale. Lo dimostra il fatto che commentava l’abbigliamento di lei o dava riferimenti precisi su alcuni suoi spostamenti. L’attrice, appena si era resa conto del comportamento ossessivo dell’indagato, si era rivolta alla Onlus Bon’t Worry di Bo Guerreschi e aveva presentato denuncia. Alla notizia dell’aggravamento della misura per il 35enne, ieri la Vitullo si è sentita sollevata e ha ringraziato i giudici, le polizia e il suo legale.

Ultimo aggiornamento: 12:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA