Arresto cardiorespiratorio in ospedale, nessuna infermiera interviene: sarà risarcita con 600.000 euro

Mercoledì 24 Marzo 2021 di Marta Ferraro
Ricoverata in ospedale soffre un arresto respiratorio e è costretta a chiamare il numero di emergenza perché non viene soccorsa da nessuna infermiera

Il Ministero della Salute della comunità autonoma di Castilla y León, in Spagna, dovrà risarcire con 600.000 euro una donna che ha subito un danno neurologico irreversibile per non aver ricevuto cure mediche dopo aver subito un arresto cardiorespiratorio durante il ricovero in un ospedale di Valladolid. Lo ha deciso recentemente la Corte Superiore di Giustizia di Castilla y León, secondo quanto riportato dai media locali.

Nel luglio 2016, Concepción, 62 anni, è stata ricoverata all'ospedale Río Hortega, dove ha subito una tracheotomia dopo un intervento per l'esportazione di un tumore. La mattina, la donna ha cominciato a avvertire difficoltà respiratorie e la sua badante - assunta dalla sua famiglia per accudirla di notte - ha azionato il campanello d'allarme per allertare le infermiere, ma non ha suonato.

Poiché nessuno arrivava in soccorso, la donna è uscita in corridoio per chiedere aiuto. Si è avvicinata all'infermeria, ma non c'era nessuno. Ha insistito con il campanello per un totale di 14 volte fino a quando ha deciso di chiamare il 112. L'helpdesk ha avvertito l'ospedale e gli infermieri sono arrivati ​​immediatamente.

Un tappo mucoso nella cannula tracheostomica impediva a Concepción di respirare e le ha causato un arresto cardiorespiratorio. Tra l'inizio della crisi e il primo soccorso, sono trascorsi circa 40 minuti, il tempo sufficiente che le ha procurato gravi danni neurologici.

L'avvocato della vittima, Emma Pallardó, ha affermato che se non ci fosse stata la badante, la sua assistita sarebbe morta. 

Ultimo aggiornamento: 21:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA