Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Azov, processo stile Norimberga ai prigionieri dell'acciaieria: la strategia di Mosca per giustificare l'invasione dell'Ucraina

Sabato 28 Maggio 2022
Azov, processo stile Norimberga ai prigionieri dell'acciaieria: la strategia di Mosca per giustificare l'invasione dell'Ucraina

Un tribunale militare, ispirato a Norimberga, con imputati i prigionieri dell'acciaieria Azovstal di Mariupol. Un'idea - quella di un processo "farsa" di massa, come definito da più analisti, volto a giustificare l'invasione russa della Ucraina agli occhi del mondo - che già da tempo frullave nella testa delle elite russe. E che ora, dopo la resa degli Azov, potrebbe tradursi in realtà. Proprio quando il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Olaf Scholz chiedono al Cremlino di liberare i 2.500 combattenti dell'Azovstal per agevolare il processo di pace.

 

Missile ipersonico Tsirkon, test di Mosca: è partito da una nave tra Norvegia e Russia

 

Processo "stile Norimberga" ai prigionieri dell'Azovstal

«Stiamo progettando di organizzare un tribunale internazionale sul territorio della repubblica», ha affermato Denis Pushilin, il leader di un territorio controllato dalla Russia nella regione di Donetsk. Una Norimberga 2.0, per intenderci. Un modello cui ispirarsi potrebbe essere il processo di Kharkiv del 1943, ha sottolineato Pushilin. Allora l'esercito sovietico processò, condannò e giustiziò tre tedeschi e un ucraino per impiccagione (Le foto delle impiccagioni furono pubblicate sulla rivista Life).

 

 

 

La strategia

Il fatto che il ministero degli Esteri e diversi parlamentari abbiano più volte ribadito che non dovrebbero esserci scambi di prigionieri con i soldati catturati a Mariupol lascerebbe intendere che la strada del processo-spettacolo potrebbe essere davvero battuta. Il leader della Crimea (regione annessa alla Russia) ha sottolineato che un tribunale nell'Ucraina orientale occupata da Mosca (dove le autorità locali sostengono la pena di morte), servirebbe da «lezione per tutti coloro che hanno dimenticato le lezioni di Norimberga».

 

 

L'analisi

E gli esperti si interrogano già su cosa potrebbe significare un tipo di processo siffatto. Sarebbe «un processo politico il cui scopo è presentare una narrazione di parte sulla guerra che supporti l'argomento della "denazificazione" che Putin ha avanzato, secondo che l'Ucraina sia guidata dai nazisti e che ci sono legami diretti tra i collaboratori ucraini durante la seconda guerra mondiale e i soldati ucraini di oggi», ha affermato Francine Hirsch, professoressa di storia all'Università del Wisconsin-Madison e autrice di saggi su Norimberga. 

Di contro ad una crescente attenzione ai crimini di guerra russi in Ucraina, inclusa l'indagine internazionale sul massacro di civili a Bucha e il primo processo a un militare russo condannato all'ergastolo per crimini di guerra, diversi osservatori ritengono che Mosca potrebbe avviare un tribunale militare come contro-processo.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 23:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA