Eitan, «Gli stanno facendo il lavaggio del cervello»: l'accusa dello zio che vive in Israele

Sabato 18 Settembre 2021
Eitan, «Gli stanno facendo il lavaggio del cervello»: l'accusa dello zio Hagai Biran

Mentre a Travacò Siccomario (Pavia), la zia Aya Biran si sta preparando a partire per Israele, forse già nella giornata di domani, oggi l'altro zio paterno, Hagai Biran, insieme alla moglie ha incontrato Eitan (unico superstite della tragedia del Mottarone) a Tel Aviv a casa del nonno materno, Shmuel Peleg, indagato insieme all'ex moglie Esther Athen Coen per il sequestro del bambino. E da questo incontro gli zii hanno ricavato un'impressione, a loro dire, allarmante sullo stato psicologico del nipote. «Anche se Eitan appare in condizioni fisiche buone, è preoccupante notare nel piccolo chiari segni di istigazione e di lavaggio del cervello» sostengono gli avvocati della famiglia Biran in Israele, Shmuel Moran e Avi Chini, in base a quanto riferito loro da Hagai Biran. «Il ritorno di Eitan a casa sua in Italia appare più urgente che mai - affermano i legali -. Purtroppo Hagai Biran e sua moglie ci hanno riferito che al termine dell'incontro sono rimasti preoccupati delle condizioni di Eitan».

Eitan, l'accusa e l'incontro

«Per gli zii - hanno aggiunto ancora - Eitan ha pronunciato frasi fuori dal loro contesto e messaggi inculcatigli che indubbiamente derivano dall'istigazione. Si tratta di un danno vero e proprio». Gli avvocati hanno anche aggiunto: «Contrariamente ai familiari dei rapitori che riferiscono in tempo reale della vita del minore come se partecipasse a un reality, noi e la famiglia Biran pensiamo che in questo momento la cosa più opportuna e necessaria sia di proteggere la privacy e l'intimità di Eitan». L'intervento dei legali e della famiglia Biran è arrivato in seguito a una nota diffusa da Gadi Solomon, portavoce della famiglia Peleg in Israele, nel quale si dava notizia della visita degli zii paterni ad Eitan. «Questa mattina - ha detto Solomon - Hagai e sua moglie hanno visitato il piccolo nella casa di Shmuel Peleg. I due sono stati con Eitan in privato e hanno giocato con lui più di un'ora. Durante la visita è stato proposto loro di telefonare ad Aya in Italia o ai genitori di Amit, ma hanno preferito non gravare oltre Eitan». A Travacò Siccomario (Pavia), nell'abitazione degli zii paterni Or Nirko e Aya Biran, dove sino a sabato scorso ha vissuto Eitan, oggi è stata una giornata di apparente tranquillità. La zia Aya si prepara a partire per Israele, in vista dell'udienza fissata per il 29 settembre. La partenza potrebbe avvenire già domani o lunedì, anche se il marito Or (che la raggiungerà più avanti) ha spiegato che si preferisce non indicare la data e l'ora del volo per garantire la privacy della moglie e della famiglia.

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 19:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA