Generale russo morto, Georgy Petrunin è il nono capo militare di Putin a cadere in Ucraina: chi era

Generale russo morto, Georgy Petrunin è il nono capo militare di Putin a cadere in Ucraina
Generale russo morto, Georgy Petrunin è il nono capo militare di Putin a cadere in Ucraina
Martedì 5 Aprile 2022, 11:14 - Ultimo agg. 16:45
2 Minuti di Lettura

Ancora un generale russo morto in Ucraina, il nono dall'inizio della guerra, segno delle enormi difficoltà che Putin sta riscontrando. L'ultimo a cadere è il tenente colonnello Georgy Petrunin, erede di una famiglia che per sette generazioni ha servito negli eserciti zarista, sovietico e russo. I dettagli sulla sua uccisione non sono stati forniti. Era il comandante della polizia militare di Samara, ma la città dove è morto non è stata rivelata. Petrunin aveva prestato servizio nelle guerre in Siria e Cecenia.

Ucraina, Biden: processare Putin per crimini di guerra. Zelensky, commozione a Bucha. «Donne schiave e torture»

Russia, ​strage del reggimento d'elite di Mosca: il 331° decimato, segno del fallimento di Putin in Ucraina

La mattanza di Bucha

Il colonnello dovrebbe essere sepolto martedì a Volgograd. La notizia arriva mentre Putin si prepara a inviare migliaia di nuovi coscritti inesperti, per combattere in Ucraina («ma non in zone calde», ha fatto sapere il Cremlino) mentre la sua invasione continua a bloccarsi, credono i funzionari occidentali.

 

La Russia ha firmato circa 130.000 nuovi coscritti nel suo esercito, segno che l'intenzione è continuare la "missione speciale" in Ucraina. L'esercito di Zelensky continua a tenere botta, nonostante i massacri come quello di Bucha o Mariupol, dove la situazione potrebbe essere addirittura peggiore di quella raccontata nelle ultime ore, sulla città a pochi chilometri da Kiev. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA