Lei si rifiuta di fare sesso, lui l'accoltella 38 volte e abusa del cadavere

ARTICOLI CORRELATI
di Alessia Strinati

Lei si rifiuta di fare sesso e lui l'accoltella a morte. Joshua Hupperterz, 30 anni, è stato condannato all'ergastolo dopo essere stato riconosciuto come colpevole del terribile omicidio. I fatti risalgono all'agosto del 2017 quando invitò ad entrare nella sua casa di Philadelphia Jenna Burleigh, 22 anni. L'uomo ha sempre negato le accuse fino a quando la settimana scorsa non ha ammesso l'abuso di cadavere.

Promessa del calcio femminile muore improvvisamente a 25 anni: «Sembrava avesse solo l'influenza»



Per i gudici, però, le sue colpe sono ben altre. I magistrati ritengono che abbia ucciso la donna prima di abusare di lei e che il motivo del delitto fosse proprio a seguito di un rifiuto sessuale. Il loro incontro sarebbe iniziato in modo consensuale ma è poi evoluto in modo violento dopo le richieste dell'uomo. Le telecamere di sicurezza del locale hanno ripreso i due allontanarsi intorno alle 2 del mattino e dirigersi a casa del 30enne, fino a quando intorno alle 4 del mattino i vicini hanno sentito delle urla.

La donna è stata colpita con un oggetto in testa, poi c'è stato un tentativi di strangolamento e alla fine è stata colpita 38 volte con un coltello. Giorni dopo il cadavere è stato trovato in un capanno isolato e i poliziotti hanno avviato le indagini che hanno condotto a Joshua Hupperterz, come riporta anche il Daily Mail. L'uomo è stato arrestato e poi processato, ora è arrivata la condanna che lo vedrà scontare la sua intera vita in carcere. 
Venerdì 18 Gennaio 2019, 16:34 - Ultimo aggiornamento: 18-01-2019 17:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP