Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cade dal balcone e muore. Ucciso dalla fidanzata: «Spinto dopo aver scoperto il tradimento»

Lunedì 25 Luglio 2022 di Alessia Strinati
Cade dal balcone e muore. Ucciso dalla fidanzata: «Spinto dopo aver scoperto il tradimento»

Muore cadendo dal balcone e poi si scopre che a gettarlo verso il basso è stata la sua fidanzata. La 31enne Mary Meyers Kayley, accusata dell'omicidio volontario del fidanzato, il 21enne Reece Pegram, dopo averlo ucciso spingendolo dal balcone a seguito di una brutta lite.

Leggi anche > Ameba gli provoca mal di testa e allucinazioni, e il 13enne rischia la vita: «Ha il 30% di possibilità di sopravvivere»

Leggi anche> Mamma trovata morta in casa con due figli: ha cercato di proteggerli da un incendio. Accanto c'era il loro cagnolino

I fatti sono accaduti in Turchia, lo scorso marzo, quando la coppia era in vacanza in un albergo a Side. Dalle prime ricostruzioni pare che quella sera avessero bevuto molto tutti e due e avessero iniziato a discutere a causa di un tradimento, non si sa se vero o presunto, di lui. La coppia ha avuto una brutta discussione, la 31enne ha raccontato di aver scoperto che il fidanzato la tradiva e per questo di essersi infuriata ma nega di averlo ucciso.

Il 21enne è stato trovato privo di vita dopo il volo dal balcone e pare che le accuse ricadano proprio sulla fidanzata. Nella stanza sono state trovate tracce di sangue e di cocaina. Kayley ha raccontato alla corte di essere andata in bagno dopo la lite infuocata, ma quando è uscita, il suo ragazzo non c'era più. Quanco è uscita si è messa a letto per essere svegliata poi dalle sirene della polizia.

 

La donna ha aggiunto che in diverse occasioni il ragazzo le aveva detto di volersi buttare dal balcone ma lo aveva dissuaso. Per l'accusa, invece, sarebbe stata proprio lei a ucciderlo spingendolo dalla ringhiera dopo la lite. Ora è stata disposta una perizia psichiatrica per la 31enne. 

Ultimo aggiornamento: 21:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA