Adolescente incinta dopo uno stupro ma nasconde l'identità del padre: «Avevo paura»

Domenica 17 Novembre 2019 di Alessia Strinati
Adolescente incinta dopo uno stupro ma nasconde l'identità del padre: «Avevo paura»

Nasconde per mesi l'identità del padre di suo figlio perché ha paura di denunciare il suo stupratore. Un'adolescente, dopo essersi sentita male, è andata in ospedale dove ha poi scoperto di essere alla 23esima settimana di gravidanza. Per tutto il tempo non ha spiegato chi fosse il padre fino alla nascita del piccolo quando è stato fatto il test del DNA.

Leggi anche > Giovane paramedico molestata in ambulanza, la denuncia choc: «Abusi sessuali mentre andavamo in ospedale»

Dagli esami è emerso che il papà del piccolo era Quaser Abas, 37 anni, che è subito stato accusato di stupro. Venuta a galla la verità la ragazza di Hambersite, nel Regno Unito, ha confessato di essere stata vittima di stupro, aggiungendo di aver taciuto per paura di quello che avrebbe potuto fare il suo aguzzino. «Non volevo un bambino a questa età», ha raccontato la giovane come riporta Metro, «non volevo che succedesse così. Avevo paura di dirlo a mia mamma. Quando ho scoperto di essere incinta ero scioccata e spaventata».

Alla fine l'adolescente ha scelto di tenere il bambino ed è felice per la sua decisione, ma vuole giustizia per quello che è accaduto. Il suo stupratore è stato processato e condannato a 12 anni di carcere. Sconvolta per l'accaduto la mamma della ragazza che per mesi non si è accorta di nulla e che non avrebbe mai sospettato che la figlia fosse stata costretta a subite una simile violenza.

Ultimo aggiornamento: 22:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA