Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ufficiale di polizia spara e uccide la sorella in una stazione di servizio

Mercoledì 6 Luglio 2022 di Marta Ferraro
Ufficiale di polizia spara e uccide la sorella in una stazione di servizio

Una donna brasiliana, ufficiale di polizia ha ucciso con un colpo di arma da fuoco la sorella, per motivi ancora non chiari. Dopo una discussione, Rhaillayne Oliveira de Mello ha sparato e ucciso sua sorella Rhayna, 23 anni, in una stazione di servizio. Il delitto è avvenuto nelle prime ore di sabato, nel quartiere di Camarão a Rio de Janeiro, Brasile.

Come riporta O Globo, nella testimonianza, Rhaillane ha raccontato di aver litigato con Rhãyna e di aver sparato a sua sorella al petto, dopo un'aggressione fisica, per questo ora la donna dovrà rispondere di omicidio.

Rhaillane che è un'ufficiale di polizia, non era comparsa negli elenchi degli idonei, a causa di uso di droga e è riuscita a entrare nell'arma, solo dopo un'azione legale. La donna aveva sostenuto il test di idoneità nel 2014, ma era stata esclusa dopo aver mentito sull'uso di droghe. Secondo la polizia militare, aveva anche già avuto violenti atti d'ira, scaturiti poi in aggressioni.
All'ufficiale di polizia, al momento, è stata sequestrata la licenza funzionale e il possesso di un'arma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA