Multe, Manovra, Mit al lavoro (anche di domenica) contro gli aumenti. Salvini: «Sulla Manovra c'è accordo su tutto»

Il ministro delle Infrastrutture e Trasporti parla al congresso provinciale della Lega

Manovra, Salvini: «C'è accordo su tutto, con Meloni e Berlusconi andremo d'amore e d'accordo per 5 anni»
Manovra, Salvini: «C'è accordo su tutto, con Meloni e Berlusconi andremo d'amore e d'accordo per 5 anni»
Domenica 20 Novembre 2022, 13:02 - Ultimo agg. 17:29
3 Minuti di Lettura

I tecnici del Ministero delle infrastrutture e trasporti sono al lavoro questa domenica, su indicazione del ministro Matteo Salvini, per evitare una stangata ai danni dei cittadini con l'aumento biennale delle multe per violazione del codice della strada previsto dal 1 gennaio. Lo fanno sapere fonti del dicastero di Porta Pia.

Salvini sulla Manovra

All'interno della maggioranza «c'e assolutamente accordo su tutta la manovra, stiamo lavorando anche su altri dettagli. Se riuscissimo ad azzerare l'Iva sui beni di prima necessità e infanzia sarebbe un bel segnale». Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Matteo Salvini, a margine del congresso provinciale della Lega a Treviglio (Bergamo). «Più di così in queste situazioni è difficile fare, partendo da almeno 20 miliardi delle bollette di luce e gas», ha concluso Salvini.

Manovra, una tassa sui giochi: ​prelievo al 25% sulle vincite. Tributi più alti per la cannabis legale

Bollette, arriva lo scudo: tre mesi a tariffa tutelata per condomini e negozi

«Probabilmente domani sera c'è il Consiglio dei ministri sulla manovra di bilancio, bisogna provare a tenere insieme tutto... Noi siamo qui per stare cinque anni, non un pò di tempo», ha detto ancora Salvini. «Con Giorgia e con Silvio governeremo d'amore e d'accordo per i prossimi cinque anni, non un minuto di meno», assicura il ministro dei Trasporti e delle infrastrutture.

LA LEGA - «Il mio obiettivo non è recuperare qualche punto percentuale, a me i sondaggi interessano zero. L'obiettivo è far tornare la Lega quello che merita di essere, il primo partito del Paese. Il risultato elettorale è stato deludente - ha aggiunto Salvini - ma io non sono nato per arrendermi. Un leghista non è mai nato per arrendersi, quado cade si rialza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA