MATTEO SALVINI

Salvini e il caso Morisi: «Attacco alla Lega a 5 giorni dal voto». E su Giorgetti: «Non si riparte dai salotti di Calenda»

Martedì 28 Settembre 2021
Morisi e il caso della droga, ira di Salvini: «Disgustato dalla schifezza mediatica»

Non usa giri di parole. «Sono spiaciuto della schifezza mediatica che condanna le persone prima che sia un giudice, un tribunale a farlo»: così il segretario della Lega Matteo Salvini ha parlato dell'indagine sull'ex responsabile della sua comunicazione sui social Luca Morisi, del quale però oggi vengono alla luce festini a base di droga in una cascina di Belfiore (scrive Repubblica)«Non conosco la vicenda, sono vicende personali» ha aggiunto, ripetendo che «Luca è una gran brava persona, un amico». Ci sono giornalisti che sbattono «il mostro in prima pagina. Se poi la settimana prossima uscirà, come sono convinto, che il dottor Luca Morisi non ha commesso alcun reato, chi gli restituirà la dignità? chi gli chiederà scusa?».

Morisi, l'addio e la sfida delle comunali: Salvini in balìa della Lega

Luca Morisi, chi è il guru di Salvini indagato per droga: i post "scandalo" della Bestia

 

Morisi, la droga e quei festini in cascina. Salvini: «Attacco alla Lega a 5 giorni dal voto»

Più tardi il leader della Lega affronta la questione sotto il punto di vista politico: «Per me chi vende droga, vende morte. Su questo spero che nessuno abbia dubbi, chi consuma droga sbaglia e va aiutato e curato. Ma tirare in ballo il discorso politico, che non c'entra nulla con il partito, perché lui (Luca Morisi, ndr) risponderà a se stesso e alla sua coscienza.... È un attacco gratuito alla Lega a 5 giorni dal voto», dice ai microfoni di Un giorno da pecora.

 

 

 

 

«In un Paese civile prima di condannare qualcuno, prima di sputtanare qualcuno - ha proseguito il segretario del Carroccio - si aspetta che sia la giustizia a fare il suo corso. E faccio un esempio. Per mesi le prime pagine dei giornali hanno parlato dei fondi russi, Salvini ha preso i soldi dalla Russia, scandali, inchieste intercettazioni. E il risultato dopo anni di infamie: zero».

 

«Se tutti attaccano solo la Lega - ha aggiunto - siamo gli unici che danno veramente fastidio a un sistema che vorrebbe portare indietro l'Italia»: «Se Luca ha sbagliato nella sua vita privata sono il primo a dirgli 'ma che diamine hai fatto? ma perché? però è una vicenda privata. Io non mi sono mai permesso di commentare le vicende del figlio di Grillo o degli amici di Conte o di qualche altro politico di sinistra. Io mi fermo davanti all'uscio di casa» ha concluso.

La citofonata - Salvini non si è pentito della citofonata fatta ad un presunto spacciatore al quartiere Pilastro di Bologna nel 2020, quando chiese «Scusi lei spaccia?». A margine di un sopralluogo all'ex Macello di Milano, infatti, il leader del Carroccio, a chi gli chiedeva se, alla luce degli sviluppo della recente vicenda Morisi, si fosse pentito di quella citofonata, ha risposto: «No, perché hanno arrestato degli spacciatori. Lì c'erano degli spacciatori che sono stati arrestati. Non andiamo a caso. Diciamo che sono stato ministro dell'Interno e qualche contatto con le forze dell'ordine ce l'ho».

Salvini al citofono, Facebook rimuove il video. L'avvocato del tunisino: «Violazione della privacy»

Pandemia - «La nostra richiesta è di riaprire tutto per tutti», dice poi  Salvini su Telelombardia del via libera del Cts alla capienza del 75% nei teatri e nei cinema. «Ma che ragionamento scientifico è il 75%? perché non il 78,8 allora? Apriamo tutto. All'estero - ha ricordato - sono aperti a piena capienza». «La violenza non è mai giustificabile però il diritto a manifestare la propria idea è di tutti; studenti, poliziotti, agricoltori, cacciatori - ha detto sul Green pass - Ci sono circa 10 milioni di italiani che per necessità o scelta non hanno il Green pass, non possiamo frustarli, lasciarli a casa senza stipendio. Ci sono circa 20mila poliziotti senza Green pass. Cosa facciamo? Li lasciamo a casa?», ha aggiunto tornando a chiedere i tamponi gratuiti.

 

Giorgetti

«Non ho molto tempo per leggere le interviste, poi ho visto che Giorgetti ha smentito. A Roma Michetti è una persona competente e per ripartire bisogna farlo dalle periferie e non dai salotti di Calenda. Roma è Tor Bella Monaca, Rebibbia, è Ostia. Roma è stupenda ma è stata trascurata in questi anni di Pd e 5 Stelle». Così il leader della Lega, Matteo Salvini replicando all'intervista del ministro leghista Giancarlo Giorgetti di ieri che ha 'bocciatò la scelta del candidato sindaco del centrodestra a Roma, 'promuovendò l'outsider Carlo Calenda. Salvini l'ha detto a 'Oggi è un altro giornò in onda su Rai 1.

 

Ultimo aggiornamento: 29 Settembre, 10:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA