Dpcm, ira Regioni: «Governo ci ha esautorato». Lettera a Conte e Speranza

Martedì 3 Novembre 2020 di Rosario Dimito
Dpcm, Regioni sul piede di guerra: «Serve più raccordo sulle chiusure»

Non sono bastati giorni di lotte intestine con il governo e l’intervento di mediazione del presidente Sergio Mattarella, le regioni non ci stanno e boicottano il Dpcm in rampa di lancio. Siccome la pandemia stia colpendo in maniera generale tutto il territorio nazionale, esse «ribadiscono la richiesta di univoche misure nazionali ed, in via integrativa, provvedimenti più restrittivi di livello regionale e locale. In una lettera a Giuseppe Conte, Roberto Speranza e Francesco Boccia, il presidente della Conferenza delle regioni Stefano Bonaccini esprime «forti preoccupazioni» per quanto regolato dagli articoli che introducono misure restrittive per la fascia arancione art 1 bis («scenario di elevata gravità e da un livello di rischio alto) riguardante Veneto Puglia e Campania dove è vietata la mobilità regionale, spostarsi tra comuni, chiusure di bar, ristoranti e asporto fino alle 22; e per la fascia rossa art. 1 ter («scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto») riguardante Piemonte, Valle d’Aosta Lombardia, Trentino, Calabria: chiusura di tutti i negozi (tranne alimentari, tabacchi e farmacie), didattica online per le medie, chiusure di parrucchieri ed estetisti, chiusure delle scuole superiori e università.

 

 

Dpcm, decreto ristori bis da 1,5 miliardi: nuovi aiuti a chi chiude in tempi rapidi

Per Bonaccini questi due articoli «comprimono ed esautorano il ruolo e i compiti delle Regioni e delle Province autonome», attribuendo al Governo «ogni scelta e decisione sulla base delle valutazioni svolte dagli organismi tecnici». Per le regioni «si rende indispensabile instaurare un contraddittorio per l’esame dei dati con i dipartimenti di prevenzione dei servizi sanitari regionali prima della adozione degli elenchi delle regioni di cui alla prevista ordinanza del Ministro della Salute». Inoltre Bonmaccini chiede che insieme al Dpcm, «vengano definite, attraverso un provvedimento di legge, l’ammontare delle risorse, unitamente a modalità e tempi di erogazione delle stesse, con le quali si procede al ristoro delle attività economiche».

 

Ancora: «misure normative e adeguate risorse finanziarie per riconoscere ed estendere i congedi parentali per tutti i lavoratori dipendenti». 
Tra gli altri punti contestati c’è la richiesta di chiarimenti su «chi può e deve disporre la chiusura al pubblico di strade e piazze nei centri urbani», la richiesta di «prevedere forme di flessibilità per la didattica in presenza per le scuole primarie e secondarie di primo grado» e di allargare i negozi da tenere aperti, anche quelli di igiene personale e della casa, di cibi per animali e cartoleria (per le scuole)».

 

Coprifuoco, Lombardia verso la stretta. Gallera contro i medici: «Decide l'Iss»

Ultimo aggiornamento: 22:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA