Reddito, Grillo e le Brigate di Cittadinanza: cosa sono e come funzionano

Reddito, Grillo e le Brigate di Cittadinanza: cosa sono e come funzionano
Reddito, Grillo e le Brigate di Cittadinanza: cosa sono e come funzionano
Lunedì 3 Ottobre 2022, 17:57 - Ultimo agg. 20:27
3 Minuti di Lettura

Reddito di cittadinanza e lavori socialmente utili. Con uno dei cavalli di battaglia del M5s messo in discussione (almeno nella sua attuale formula) dall'esito delle ultime elezioni, è il fondatore del Movimento che scende direttamente in campo. E - come al solito -  Beppe Grillo lo fa a modo suo. E con i suoi canali. «Chiamo a rapporto le Brigate di Cittadinanza, cittadini volenterosi che vogliano offrire il loro operato "illegalmente" per aiutare la comunità in cui vivono», scrive l'ex comico sul suo blog.

Reddito di cittadinanza dimezzato e superbonus tagliato al 65%. Manovra, il piano del nuovo governo

Grillo e le Brigate di Cittadinanza

«Oggi, i percettori del reddito di cittadinanza sono circa 3 milioni, molti dei quali con competenze che vorrebbero mettere a disposizione della comunità. E infatti sarebbe anche previsto che lo possano fare ma "qualcuno" preferisce impedirglielo, creando ostacoli burocratici per renderlo irregolare, se non illegale, perché è più comodo usarli come carne da cannone per fare la guerra ai poveri», ragiona Grillo

In breve, il fondatore M5s si rivolge ai percettori del Reddito e li sprona a mettersi a disposizione per svolgere lavori socialmente utili. Cosa peraltro prevista per legge, sebbene finora non si è tradotta in realtà.

COSA SONO I PUC

I Puc, i progetti utili alla collettività, sono regolarizzati dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale di un decreto del ministero del Lavoro che definisce ambiti. In pratica si tratta di mettersi a disposizione per aiutare gli operatori che forniscono assistenza domiciliare agli anziani, oppure che si occupano della manutenzione del verde pubblico. Secondo il decreto i beneficiari del redditto devono dare la propria disponibilità a svolgere attività non retribuite “in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni” mentre cercano un lavoro.

«SERVIRE LA COMUNITA'»

 «Servire la comunità - scrive ancora Grillo sul blog - è un dovere ma anche e soprattutto un diritto di ognuno. Cittadini che si possano sentire liberi di poter riparare una panchina dismessa, ripristinare un giardino abbandonato, costruire giochi per i bimbi, mettersi a disposizione per il prossimo. Brigatisti di Cittadinanza, abbiamo bisogno di voi! Abbiamo bisogno della vostra abilità e della vostra partecipazione!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA