Rigopiano, Salvini e Di Maio alla commemorazione. E Luigi sfila con la candidata governatrice M5S

Rigopiano, due anni fa la tragedia dell'albergo: Salvini e Di Maio alla commemorazione
di Mario Ajello

«Noi ci siamo», Dice Di Maio. «Lo Stato c’è», dice salvini. Sono arrivati insieme a Rigopiano per la celebrazione del secondo anniversario della strage dell’hotel abruzzese con 29 morti. La popolazione lì accoglie benissimo: «Siete come dei padri per noi, non come i vecchi governi che se ne infischiavano». Salvini dice a tutti i parenti delle vittime che «abbiamo stanziato 10 milioni di euro per voi e li abbiamo presi dal fondo speciale del mio ministero». Poi parte la fiaccolata con i due vicepremier e Di Maio ha al suo fianco Sara Marcozzi, candidata M5S governatrice. Qui in Abruzzo siamo in campagna elettorale: si vota tra 20 giorni.

Lo scorso anno i parenti delle vittime di Rigopiano non avevano voluto politici alla commemorazione. Ora invece i politici ci sono. Ed è marcatura ad uomo per l'evento di oggi a Rigopiano. Matteo Salvini aveva deciso da tempo di esserci e all’ultimo minuto Di Maio - visto che il governo ha stanziato 10 milioni di euro per i familiari delle vittime - ha dovuto recuperare. Sulla base di questo ragionamento: non posso lasciare una mattinata tutta disponibile per Salvini ai fini della sua propaganda (si vota il 10 febbraio per le regionali abruzzesi) e arrivare solo il pomeriggio.

Entrambi, senza esagerare nei toni dicono che il loro governo ha stanziato i soldi per i risarcimenti. Ma i due vicepremier vengono qui sulla montagna anche a prendersi i complimenti per l'approvazione di reddito di cittadinanza e quota 100 per le pensioni. «Noi facciamo i fatti», così si presenta Salvini.

Al termine della commemorazione della tragedia di Rigopiano sono arrivati i genitori di Stefano Feniello, una delle 29 vittime della tragedia dell'Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara). Mentre il padre del giovane parlava con il ministro Matteo Salvini, la madre è andata vicina al totem del resort, gridando: «Adesso il presidente della Repubblica manda una corona, ma cosa ci fa una mamma adesso? Dovevano mandare uno spazzaneve due anni fa. Ecco cosa dovevano fare». 

 
Venerdì 18 Gennaio 2019, 10:01 - Ultimo aggiornamento: 18-01-2019 16:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-01-18 18:14:50
selfie selfie selfie!!!!!passerella elettorale l'ennesima!!!

QUICKMAP