Accademia Sicob, è boom di iscrizioni al corso in «Management dell’obesità»

Giovedì 28 Aprile 2022
Accademia Sicob, è boom di iscrizioni al corso in «Management dell’obesità»

E’ boom di richieste di partecipazione al corso gratuito di «Management dell’obesità» con cui si inaugura il 29 e 30 aprile a Roma l’Accademia SICOB. Sono infatti 324 le candidature arrivate alla società italiana di chirurgia dell’obesità e delle malattie metaboliche su 40 posti disponibili per la prima edizione del corso di formazione; quest’ultimo è rivolto a tutti gli operatori sanitari coinvolti nella gestione e nel trattamento dei pazienti con obesità. Il corso è stato ideato e fortemente voluto dal vicepresidente Maurizio De Luca, che ne è direttore insieme al presidente Marco Antonio Zappa.

Insieme coordineranno dietologi, nutrizionisti e dietisti, psicologi e psichiatri, internisti, endocrinologi, endoscopisti e chirurghi, tutti specialisti che quotidianamente fronteggiano problematiche che interessano in Italia il 10,5 per cento della popolazione, vale a dire più di 6 milioni di persone di cui 1 milione e 400mila grandi obesi. Da un'indagine conoscitiva SICOB del 2021, inoltre, emerge che gli italiani che hanno fatto ricorso alla chirurgia bariatrica sono stati 22469 e la tendenza è in crescita. Obiettivo del corso quindi è fornire ai partecipanti una sempre maggior consapevolezza delle strategie utili a trattare i pazienti affetti da obesità al di fuori del loro specifico campo professionale. Si partirà da casi clinici reali perchè l’approccio sarà molto pratico.

Video

Oltre a tutti gli aspetti relativi alla chirurgia, si parlerà anche di impedenziometria e composizione corporea, di obesità e gravidanza, di diete chetogeniche e a basso contenuto calorico, dei trattamenti farmacologici che precedono gli interventi chirurgici, di problemi psicologici e psichiatrici legati all’obesità, tanto per citare alcuni temi: «L’enorme successo in termini di richieste di partecipazione indica che probabilmente stiamo intercettando delle importanti esigenze formative considerando la sempre maggior richiesta di interventi bariatrici da parte degli italiani – afferma il presidente SICOB Marco Antonio Zappa – e questo ci spinge a programmare subito la seconda edizione. Negli ultimi anni i progressi nella comprensione della biologia dell’obesità sono stati notevoli e hanno portato allo sviluppo di nuovi approcci di trattamento, da quelli nutrizionali a quelli farmacologici, psichiatrici, psicologici ed endoscopici, oltre al sempre maggior perfezionamento delle tecniche chirurgiche. I docenti dell’Accademia, inoltre, sono colleghi specializzati nella ricerca sull'obesità e nella pratica clinica.»

 Gli fa eco il Vicepresidente SICOB Maurizio De Luca: «Una delle novità del corso è l'Edmonton Obesity Staging System (EOSS), un sistema di valutazione dell’obesità che incrocia una serie di evidenze scientifiche: all’indice di massa corporea infatti si aggiungono l’età del paziente, il suo stile di vita, le capacità motorie, le patologie e le complicanze preesistenti. Partendo da questo quadro si può impostare la terapia per ciascuno stadio di obesità con obiettivi di trattamento appropriati. Fondamentale infatti è la valutazione dei fattori fisiologici, psicologici e psichiatrici che contribuiscono all'obesità con tutte le problematiche sociali che ne derivano. Inoltre i partecipanti lavoreranno sulla prevenzione e sull’identificazione delle complicanze. Così potranno costruire un piano terapeutico comprendente interventi intensivi per favorire il calo di peso, tra cui diete a bassissimo intake energetico, farmacoterapia e trattamento endoscopico da associare alla chirurgia bariatrica. Infine potranno definire i monitoraggi di routine e gli “aggiustamenti” farmacologici per i pazienti a cui è stata prescritta una dieta, combinando tutti i trattamenti secondo un timing definito.»

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche