Johnson&Johnson, allerta Fda: «Rischio sindrome rara». Segnalato anche un caso di morte

Lunedì 12 Luglio 2021
Johnson&Johnson, allerta Fda: «Rischio sindrome rara». Segnalato anche un caso di morte

Il vaccino Johnson&Johnson può comportare il rischio di una rara patologia neurologica nota come sindrome di Guillain-Barré. Finora sono stati identificati circa 100 casi. Gran parte delle persone si sono riprese, ma è stato registrato anche una morte. La Food and Drug Administration (Fda), l'agenzia Usa preposta alla sicurezza dei farmaci, intende allegare l'avvertimento che. Lo scrive il New York Times, citando diverse persone a conoscenza del dossier. Il rischio è da tre a cinque volte più alto tra i vaccinati col J&J rispetto alla popolazione generale negli Usa. 

Variante Delta, le Regioni temono la zona gialla: governo frena, ma resta l'ipotesi soglie minime

J&J, cosa è la sindrome

I database indicano che i sintomi della sindrome di Guillain-Barré, caratterizzata da debolezza muscolare e lieve perdita della sensibilità distale, sono sviluppati nel giro di circa tre settimane dalla vaccinazione. La Fda ha concluso che i benefici del vaccino nel prevenire la morte o gravi forme di Covid prevalgono ancora fortemente su questo rischio ma intende includere l'avvertenza nei fogli informativi per pazienti e fornitori. Le autorità regolatorie europee potrebbero fare una mossa analoga poco dopo. L'amministrazione Biden dovrebbe fare un annuncio entro martedì. Nessun legame con la sindrome Guillain-Barré è stato trovato invece per i vaccini sviluppati da Pfizer e Moderna, che usano tecnologie differenti. In Usa sono stati vaccinati col J&J quasi 13 milioni di persone ma il 92% degli americani pienamente vaccinati ha ricevuto le dosi di Pzifer e Moderna.

 

 

Gran Bretagna, oltre 30mila casi per il sesto giorno consecutivo: Johnson conferma le riaperture per il 19 luglio

Ultimo aggiornamento: 14 Luglio, 09:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA