Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Novavax, i lievi effetti collaterali dal mal di testa alla febbre. A breve può arrivare in Italia

Lunedì 13 Dicembre 2021 di Giampiero Valenza
Dal mal di testa alla febbre: gli effetti collaterali del vaccino Novavax (a breve in Italia)

Mal di testa, dolore muscolare, stanchezza. E febbre. E su 15.139 persone, solo uno è stato il caso di miocardite, avvenuto tre giorni dopo la seconde dose, con il paziente che poi ha recuperato completamente dopo due giorni dopo il ricovero. Sono questi i principali effetti collaterali del vaccino Novavax secondo uno studio pubblicato a settembre sul New England Journal of Medicine.

Intanto, anche gli Emirati Arabi Uniti, dopo Indonesia e Filippine, hanno autorizzato l’uso del vaccino Novavax che è ora al vaglio dell’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, e che in Italia potrebbe arrivare a breve.

Novavax, il nuovo vaccino a gennaio: ecco perché può convincere gli scettici

 

Lo studio su Novavax

Due sono gli studi clinici di Fase 3 al centro dell’autorizzazione degli Emirati Arabi che hanno dimostrato l’efficacia del vaccino. Uno è Prevent-19, che ha incluso 30.000 partecipanti negli Stati Uniti e in Messico, che ha dimostrato una protezione del 100% contro la malattia moderata e grave e un'efficacia del 93,2% contro le varianti prevalentemente circolanti e un'efficacia complessiva del 90,4%. Il secondo lavoro è stato svolto su 15.000 partecipanti nel Regno Unito e ha dimostrato un'efficacia del 96,4% contro il ceppo virale originale, dell'86,3% contro la variante Alpha e dell'89,7% di efficacia complessiva. 

Il Novavax si somministra in due dosi a distanza di 21 giorni e può essere conservato a temperature standard di frigorifero. Ogni fiala contiene dieci dosi.

L'ok dell'Ema

L'Agenzia europea del farmaco (Ema) potrebbe concludere la valutazione per la commercializzazione del vaccino anti-Covid di Novavax, Nuvaxovid, «prima della fine dell'anno». Lo riferisce la stessa Ema, sottolineando che questo vaccino «fornirà una nuova opzione per vaccinare le persone nell'Ue e nel mondo». Il vaccino Novavax si basa su una diversa tecnologia rispetto a quelli finora autorizzati in Ue. Prevede due dosi e può essere conservato in frigorifero. Al momento, è stato autorizzato per l'uso di emergenza solo in Indonesia.  Il parere dell'Agenzia europea dei medicinali Ema sul vaccino anti-Covid Novavax «è attesa a dicembre, tra il 16 e il 20». Lo ha affermato il direttore generale Aifa, Nicola Magrini, in audizione in commissione Sanità del Senato. Oggi l'Ema ha comunicato che una decisione sarà presa, appunto, entro fine anno.

Ultimo aggiornamento: 15 Dicembre, 14:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA