Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il Covid aumenta il rischio di coaguli nel sangue "fatali" fino a sei mesi dopo l'infezione

Giovedì 7 Aprile 2022
Il Covid aumenta il rischio di coaguli nel sangue "fatali" fino a sei mesi dopo l'infezione

Dopo un'infezione da Covid, aumenta il rischio di sviluppare un grave coagulo di sangue per i sei mesi successivi all'infezione. A rivelarlo è uno studio svedese che ha registrato l'aumentare di problemi di coagulazione su un campione di pazienti risultati positivi durante la prima ondata pandemica. L'arma principale contro l'insorgenza di coaguli, raccomandano i ricercatori, rimane il vaccino.

«Rischio di trombosi venosa profonda 4 volte maggiore dopo il Covid»

Secondo lo studio svedese, le persone che hanno avuto il Covid-19 hanno maggiori probabilità di sviluppare un coagulo di sangue, in particolare i pazienti che hanno avuto bisogno di cure ospedaliere. I ricercatori hanno monitorato la salute di circa un milione di persone risultate positive tra febbraio 2020 e maggio 2021 in Svezia e le hanno confrontate con quattro milioni di persone della stessa età e sesso che non avevano avuto un test positivo.

Dopo un'infezione da Covid, hanno riscontrato un aumento del rischio di:

  • coaguli di sangue nella gamba o trombosi venosa profonda (TVP), per un massimo di tre mesi
  • coaguli di sangue nei polmoni, o embolia polmonare, per un massimo di sei mesi
  • emorragie interne, come un ictus, per un massimo di due mesi
 

Quando i ricercatori hanno confrontato i rischi di coaguli di sangue dopo Covid con il normale livello di rischio, hanno scoperto che:

  • quattro su 10.000 pazienti Covid hanno sviluppato TVP rispetto a uno su 10.000 persone che non avevano Covid
  • circa 17 pazienti su 10.000 Covid avevano un coagulo di sangue nel polmone rispetto a meno di uno su 10.000 che non aveva avuto Covid.

Lo studio, pubblicato sul BMJ, ha rilevato che il rischio aumentato di coaguli di sangue era maggiore nella prima ondata rispetto alle ondate successive, probabilmente perché i trattamenti sono migliorati durante la pandemia e i pazienti più anziani stavano iniziando a essere vaccinati dalla seconda ondata.

Il rischio di un coagulo di sangue nel polmone nelle persone che erano molto gravemente malate di Covid era 290 volte maggiore del normale e sette volte maggiore del normale dopo il Covid lieve. Ma non c'è stato un aumento del rischio di emorragia interna nei casi lievi.

 

«Rischio molto più alto rispetto ai vaccini»

Alcuni rari fenomeni di coagulo possono registrarsi anche dopo l'iniezione, ma con un rischio di gran lunga inferiore. «Per le persone non vaccinate, questa è davvero una buona ragione per ottenere un vaccino: il rischio è molto più alto del rischio dei vaccini», afferma Anne-Marie Fors Connolly, ricercatrice principale dello studio presso l'Università di Umea in Svezia.

I ricercatori non possono provare che il Covid abbia causato i coaguli di sangue in questo studio, ma hanno diverse teorie sul perché ciò accada. Potrebbe essere l'effetto diretto del virus sullo strato di cellule che rivestono i vasi sanguigni, una risposta infiammatoria esagerata al virus o il corpo che produce coaguli di sangue in momenti inappropriati.

Covid e infarti: grazie ai vaccini crollati i decessi

La mortalità tra i pazienti con Covid-19 colpiti da infarto grave è significativamente diminuita tra il 2020 e il 2021, ma è letteralmente crollata tra i pazienti vaccinati contro il virus SarsCoV2. È un ulteriore dato  interessante che emerge da uno studio americano coordinato dal Christ Hospital di Cincinnati e pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology. I pazienti con Covid-19 sono a rischio elevato di infarto durante le prime due settimane di infezione. «Si pensa che questo rischio elevato si verifichi perché Covid-19 aumenta il rischio di coaguli di sangue», ha spiegato Santiago Garcia, primo autore dello studio.

Lo studio ha analizzato gli esiti di 586 pazienti ricoverati tra i inizio 2020 e fine 2021 per infarto e che erano positivi al Covid-19. Dalla ricerca è emerso che i decessi per infarto tra i pazienti ricoverati positivi a SarsCoV2 sono in generale diminuiti del 25% rispetto al 2020, passando dal 33% del 2020 al 23% del 2021. Soprattutto, i ricercatori hanno osservato un crollo della mortalità per infarto tra i pazienti vaccinati. In particolare, tra i pazienti osservati, nel 2021 è deceduto il 22% dei non vaccinati e nessun paziente vaccinato.

«Nel 2020, prima che fossero disponibili i vaccini per COVID-19, abbiamo visto un numero significativamente maggiore di persone che si presentavano in ospedale e avevano come sintomo principale problemi di respirazione, piuttosto che il dolore toracico tipico dell'infarto», ha riferito Garcia. «Questi pazienti avevano avuto un quadro di infarto grave, ma non sono necessariamente morti per l'infarto: sono morti per una grave forma di Covid-19. Nel 2021 la disponibilità di vaccini ha ridotto significativamente i ricoveri e i decessi dovuti all'infezione da Covid-19 anche tra i pazienti affetti da infarto».

Ultimo aggiornamento: 8 Aprile, 19:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA