Tumore batte chemio: come nel poker rimescola le carte genetiche: lo studio italiano

Mercoledì 11 Agosto 2021
Tumore batte chemio: come nel poker rimescola le carte genetiche: lo studio italiano

Un gioco che vale la vita. Il tumore batte la chemioterapia come in una partita a poker, scegliendo le sue carte tra quelle che vengono continuamente rimescolate dall'instabilità genetica causata dalla presenza di un alterato numero di cromosomi nelle cellule: lo dimostra uno studio internazionale coordinato da Stefano Santaguida dell'Istituto Europeo di Oncologia (Ieo) e dell'Università Statale di Milano. I risultati della ricerca, sostenuta anche da Fondazione AIRC, sono pubblicati sulla rivista Developmental Cell. «Il nostro lavoro dà un contributo fondamentale alla comprensione delle cause della chemioresistenza, un rischio che incombe anche sui farmaci anticancro più efficaci», spiega Santaguida.

 

Cancro al pancreas: nuova strategia farmacologica per rallentarlo

 

«Abbiamo dimostrato che la cellula tumorale è capace di sfruttare la sua instabilità genetica per sopravvivere anche in condizioni di stress, quale l'attacco mortale di un farmaco chemioterapico. Tutto parte dall'aneuploidia, un cambiamento del numero di cromosomi, che risulta in un patrimonio cromosomico (cariotipo) diverso dalle cellule normali e caratterizzato da instabilità genetica. Questa instabilità è alla base del caos cellulare caratteristico del cancro, che manda in tilt il normale funzionamento della cellula. È come se le cellule stessero continuamente rimescolando le carte. Questo continuo rimescolamento può essere sfruttato da una cellula tumorale per sopravvivere: mettendo continuamente sottosopra il proprio corredo genetico, quando viene attaccata da una molecola di chemioterapico può selezionare meglio il suo poker d'assi, cioè il cariotipo capace di resistere al farmaco. Questo spiega perché in alcuni pazienti la chemioterapia potrebbe non raggiungere i risultati desiderati».

Prostata, quei rischi sottovalutati dai 40enni

 

L'aneuploidia è presente nel 90% dei tumori solidi e il 75% di quelli ematologici. «Il nostro obiettivo - afferma Santaguida - è inserire l'analisi del cariotipo nello studio del profilo del tumore», un passo avanti «verso una medicina di precisione. Se individuiamo quale cariotipo provoca chemioresistenza, possiamo capire da subito quale combinazione di farmaci utilizzare per evitarla e fornire trattamenti in grado di eradicare le cellule tumorali». 

Ultimo aggiornamento: 15:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA