Tumori, una cura contro quello del rene utile per la tiroide

Martedì 21 Settembre 2021
Tumori, una cura contro quello del rene utile per la tiroide

Non si ferma mai la ricerca per trovare l'arma per sconfiggere i carcinomi. Una cura ora usata per il trattamento del tumore a cellule renali in stadio avanzato e per quello epatocellulare può essere utile contro una forma rara del tumore della tiroide. È quanto emerge dalla ricerca Cosmic-311 di Fase III presentata al Congresso 2021 di Esmo, la Società europea di medicina oncologica. A poco più di 10 mesi il cabozantinib ha continuato a dimostrare una sopravvivenza mediana libera da progressione del carcinoma differenziato della tiroide che non ha risposto alle cure al radioiodio, con una riduzione del rischio di avanzamento del cancro o di morte del 78% rispetto al placebo. Questa analisi è coerente con i dati dello studio presentato al Congresso annuale 2021 della American Society of Clinical Oncology (Asco) e pubblicato su The Lancet Oncology.

 

Tumore al polmone, lo screening riduce il tasso di mortalità del 35%

I dati di efficacia e sicurezza dell'analisi dello studio Cosmic-311 sono alla base della richiesta di variazione sottoposta ad Ema, l'agenzia regolatoria europea per i medicinali, per un'estensione dell'indicazione di cabozantinib nel carcinoma differenziato della tiroide refrattario al radioiodio. Nel 2020 sono stati diagnosticati più di 580.000 nuovi casi di carcinoma tiroideo a livello mondiale. Il tumore della tiroide è la nona neoplasia più comune a livello globale e la sua incidenza è tre volte maggiore nelle donne rispetto agli uomini, rappresentando una diagnosi di tumore su 20 tra le donne. 

Tiroide malata? L'esperto rassicura: «Si può andare al mare lo stesso»

Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 10:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA